Diocesi di Civita Castellana accoglie nuovo parroco don Francisco de Macedo

BRACCIANO (Roma)-  Grande festa a Bracciano a per l’insediamento del nuovo parroco. La comunità parrocchiale di Bracciano, accoglierà il nuovo parroco, don Francisco De Macedo, sabato pomeriggio, 2 luglio alle ore 18.00, nella Chiesa di S. Maria Novella, proveniente da Formello-Le Rughe, dove ha operato con spirito di servizio e passione del buon pastore, lasciando un buon ricordo tra la gente.
La celebrazione del rito d’ingresso del nuovo parroco è un avvenimento di grande rilievo nella vita di una comunità parrocchiale. L’amore misericordioso di Dio raggiunge questa comunità e si manifesta concretamente in essa attraverso il dono di un nuovo pastore, nella continuità e nel servizio.
La solenne celebrazione d’insediamento sarà presieduta dal vescovo Romano Rossi, che presenterà il nuovo Parroco, come pastore e guida in questa comunità di Bracciano.
Il Vicario Giudiziale, darà lettura del decreto di nomina di don Francisco De Macedo a Parroco della parrocchia S. Stefano Protomartire, da parte del Vescovo. Al termine la comunità riunita risponderà: “Rendiamo grazie a Dio”, a cui darà seguito un caloroso applauso di approvazione.
Don Francisco è nato a Castello Do Prais (Brasile) il 21 aprile 1960 e ordinato sacerdote il 5 marzo 1989. Ha conseguito il master in Psicopedagogia, la licenza in Teologia della pastorale sanitaria e il dottorato in Filosofia. È docente presso la Pontificia Università Lateranense, l’Istituto Superiore di Scienze Religiose di Civita Castellana e l’Istituto Camillianum di Roma. È inoltre docente invitato presso l’Istituto greco–cattolico di Oradea (Romania), membro dell’Associazione Docenti Italiani di Filosofia (ADIF) e direttore esecutivo della rivista «Faleritanum».
Gli auguri più cari di buon lavoro pastorale al nuovo parroco, affinché Maria SS. “ad rupes” patrona della diocesi, lo assista a costruire un’autentica comunità di fede, sempre pronto ad accogliere i fratelli e sorelle che aspettano d’incontrare un Dio che li ama e li vuole felici.

 

Print Friendly, PDF & Email