Domenica 24 novembre si festeggia la Giornata del Ringraziamento

È tutto pronto a Viterbo per domani 24 novembre, quando si celebrerà lcoldiretti-bandieraa Giornata regionale e provinciale del Ringraziament,o organizzata da Coldiretti Viterbo per rendere omaggio al Signore per il lavoro nei campi e per i frutti della terra. Giungeranno a Viterbo quaranta cavalieri che sfileranno, con i loro cavalli montati tradizionalmente, dal Sacrario fino al Duomo percorrendo via Marconi, Corso Italia e Piazza del Comune.

L’appuntamento, che si ripete ogni anno ed è molto importante nella tradizione storica di Coldiretti, è alle 10:30 con il ricevimento e il saluto delle autorità, per poi procedere alle 11 con la Santa Messa che sarà celebrata dal Vescovo di Viterbo Lino Fumagalli nella cattedrale di San Lorenzo. Il messaggio dei Vescovi per la giornata del ringraziamento in tutta Italia è quest’anno rivolto ai giovani agricoltori: “Ci rivolgiamo direttamente a voi quest’anno, in occasione della Giornata nazionale del Ringraziamento per i frutti della terra, come vescovi incaricati della pastorale sociale e del lavoro. Lo facciamo avendo davanti a noi in primo luogo l’icona di Martino, giovane ufficiale romano, che, di fronte alle necessità di un povero infreddolito, taglia il suo mantello in due e lo condivide, donando un raggio si sole e calore che resterà sempre impresso nella memoria di tutti noi. San Martino ci insegna a vivere la vita come un dono, facendo sgorgare la speranza laddove al speranza sembra non esserci.

Ci colleghiamo così alle costanti esortazioni di Papa Francesco: “Prima di tutto, vorrei dire una cosa, a tutti voi giovani: non lasciatevi rubare la speranza! Per favore, non lasciatevela rubare! E chi ti ruba la speranza? Lo spirito del mondo, le ricchezze, lo spirito della vanità, la superbia, lo spirito del benessere, che alla fine ti porta a diventare un niente nella vita”. Dopo la messa si proseguirà alle 12 con la benedizione degli animali, dei frutti della terra e dei mezzi agricoli.

   

Leave a Reply