Efficienza e razionalizzazione delle risorse: “Va nella giusta direzione la proposta di legge presentata dalla giunta regionale al Consiglio”, lo afferma Enrico Panunzi

Riceviamo da Enrico Panunzi, Presidente Sesta Commissione Regione Lazio e pubblichiamo: ” La proposta di legge presentata dalla Giunta regionale al Consigliopanuniz-mazzoli-incontro-michelini va nella giusta direzione di efficienza e razionalizzazione delle risorse. Con l’accorpamento in un’unica società di Sviluppo Lazio, Banca Impresa Lazio, Unionfidi, Filas e Bic Lazio continua la

volontà di attuare una revisione sistematica della spesa, recuperando risorse per milioni di euro che possono essere destinate ad altri fini. Il risparmio è quantificabile tra 4,5 e 6 milioni di euro, con un drastico taglio di poltrone. Spariscono infatti 5 consigli di amministrazione e ne rimane solo uno e ora, con un’unica cabina di regia ci saranno servizi migliori, così come auspicato anche dal sistema economico, che avrà un interlocutore unico con cui parlare.

L’aumento dell’Irpef regionale dello 0,6 per cento, che avrà effetto a partire dal 2015, va inquadrato in un contesto più generale. La Giunta Zingaretti, a pochi mesi dall’insediamento, ha saputo immettere nel sistema economico più di 8 miliardi di euro, che sono serviti per il pagamento dei debiti arretrati della Regione, dando oltretutto linfa alle imprese.

Il Lazio è stata la prima amministrazione ad accedere ai fondi del decreto 35: eravamo sull’orlo del fallimento, ora i tempi medi per i pagamenti sono scesi da 220 a 150 giorni. Il debito ha iniziato a scendere e dai 12 miliardi del 2012 si prevede il dimezzamento nel 2014.

L’aumento dell’Irpef, come spiegato dal presidente Zingaretti, sarà limitato e molto progressivo: circa un terzo dei contribuenti non pagherà nulla in più e per oltre il 40% dei cittadini laziali l’aumento sarà di circa 3 euro a mese. Per le altre fasce, quelle con reddito più alto, l’aumento andrà dai 10 ai 20 euro mensili.

La misura, che era inevitabile per evitare il default della Regione, ha comunque il duplice obiettivo di scongiurare dal prossimo anno il nuovo aumento dell’1% imposto dal Governo e di ridurre le tasse dal 2017”.

   

Leave a Reply