Elezioni amministrative, nessun apparentamento con le candidate sindaco

di WANDA CHERUBINI-

VITERBO- Ci avviciniamo alla data del 26 giugno, quando i cittadini saranno ancora una volta chiamati alle urne per decidere tra le due candidate sindaco al ballottaggio, Chiara Frontini di Viterbo 2020 ed Alessandra Troncarelli del Pd, chi diventerà il primo cittadino della città. In questa settimana prima del ballottaggio si stanno susseguendo una serie di conferenze, per ribadire i proprio programmi o fare il focus su alcuni argomenti di interesse pubblico, il tutto per invogliare gli indecisi, ma anche chi ha già votato per loro e coloro che invece, al primo turno, hanno votato per un altro schieramento politico, di andare a votare domenica e mettere la x sul proprio nome. In questi giorni si stanno anche susseguendo una serie di notizie, smentite per lo più, di alleanze non ufficiali, ma ieri la candidata sindaco Frontini è stata chiara, come il suo nome: “Prioritario è il nostro programma civico ed i nostri candidati che ci hanno messo la faccia. Nessun apparentamento. Poi è logico che chi ha votato per il centrodestra ci sostenga ora al ballottaggio, anomalo sarebbe il contrario”. Dall’altro lato, la candida sindaco Troncarelli ha affermato: “Non chiudiamo la porta in faccia a nessuno, quindi, il dialogo è aperto a tutte quelle forze che non sono riuscite ad arrivare al ballottaggio. Ma il fulcro resta il nostro programma. La discussione, quindi, può essere aperta solo con coloro che  sono disposti ad accogliere i punti del nostro programma”. Anche Troncarelli ribadisce che “non è stato fatto nessun apparentamento”.

Print Friendly, PDF & Email