Fattoria delle Due rose, applausi per Giuliano Franchi

VETRALLA ( Viterbo) –  Di nuovo pioggia di applausi al Circolo polivalente per il turismo rurale Fattoria delle Due rose, stavolta tutti per Giuliano Franchi e la sua coinvolgente performance di musica italiana degli anni ’60 e ’70 che ha fatto la storia del Bel Paese.

Prima, come sempre l’omaggio al buon cibo, declinato nei piatti sempre straordinari preparati in cucina da Mario. Una cena in cui è impossibile decidere la pietanza regina, tra tante bontà: dalla pasta con asparagi e pomodoro secco, alla tenerissima tagliata di vitello condita con olio al pistacchio e guarnita con nocciole dei Cimini, fino al dolce a base di fragole. Must della serata il carrello di formaggi, tutti di Malga, esibito da Mario come un trofeo di cui vantarsi, per la gioia dei commensali che hanno potuto scegliere e assaggiare.

E dopo il buon cibo, come da tradizione tocca alla buona musica, con l’artista sorianese presentato da Ernesto Bruziches, amico da sempre: “Sound di questa parte di serata incentrata sulla musica è il viaggio tra le note che hanno cambiato il tempo, il suono che dura per sempre!”.

Franchi ha raccontato il suo viaggio musicale sull’onda delle sue basi originali, preparate in studio, impossibilitato ad accompagnarsi con la chitarra per un piccolo problema al braccio. Rocks, Nomadi, Battisti Le Orme, Pooh, Pfm, Morandi, De Gregori: una via l’altra le note che hanno fatto la storia della grande musica italiana hanno riempito il saloon, tra cori improvvisati dai tavoli e balli scalamanati in ogni angolo.

Una nuova serata di musica ha reso speciale il sabato in Fattoria, merito di Giuliano Franchi, della sua conoscenza musicale e del modo in cui ripropone brani storici, donando un tocco personale che le rende ancora più godibili.

La Fattoria delle Due Rose è pronta al prossimo appuntamento, previsto per il 23 aprile, quando tornerà il quartetto jazz di Eddy Palermo, accompagnato Alexandre Silva, basso e chitarra, Daila Lupo, voce e chitarra, Alessandro Mazzi, percussioni, in una serata che avrà il gusto brasiliano anticipato a tavola, che potrà esplodere al concerto che seguirà nel ritmo della bossa nova.

 

Print Friendly, PDF & Email