Fervono i preparativi per l’European Francigena Marathon

ACQUAPENDENTE ( Viterbo) – In una domenica dal cielo sereno ed una temperatura superiore a 20 gradi i Comuni di Acquapendente e Montefiascone si tuffano nella “settimana count-down European Francigena Marathon”. Appuntamento Domenica 2 Giugno dalla centralissima Piazza Girolamo Fabrizio di Acquapendente da dove verrà dato il via a coloro che percorreranno i  42,195 Km che uniscono i due paesi a mò di  evento Ludico Motorio sull’antica Via di Sigerico. Collaboreranno alla realizzazione i Comuni di San Lorenzo Nuovo e Bolsena e l’aiuto di varie associazioni locali.  La manifestazione, promossa a livello Nazionale ed Internazionale avrà lo scopo di far conoscere un territorio ricco di bellezze naturali ed artistiche che costituiscono il patrimonio storico-culturale ed ambientale dei Comuni interessati dall’evento. Si partirà da Acquapendente, 132 km a nord di Roma, posta lungo la Via Cassia e ai confini di Umbria e Toscana: una tappa fondamentale sulla Via Francigena. Il pellegrino che la visita non può non fermarsi ad ammirare la suggestiva cripta romanica risalente al X secolo che racchiude al suo interno l’edicola del Santo Sepolcro, la copia più antica rimasta in Europa dell’originale gerosolimitano. Seguendo la tabellazione del percorso ufficiale realizzato secondo le indicazioni dell’Associazione Europea delle Vie Francigene, si proseguirà percorrendo stradine di campagna, verso il paese di San Lorenzo Nuovo. Questo a differenza dei centri vicini tipicamente medievali, conserva un centro storico d’impronta neoclassica che risale al Settecento. Da qui, primo passaggio intermedio (Km 11,300), proseguendo lungo la bancata vulcanica si giungerà a Bolsena, secondo arrivo intermedio (Km 23,5), ove sarà possibile percorrere le viuzze caratteristiche del castello costeggiando la Basilica di Santa Cristina. Quest’ultima, tappa dei pellegrini sul percorso dell’antica via Francigena alla volta di Roma, ha ospitato, per secoli, fiumi di Romei. Tale santuario , è particolarmente venerato, non solo per il culto verso santa Cristina, ma soprattutto per il ricordo del notissimo miracolo eucaristico. Da Bolsena inizieranno le difficoltà che attraverso strette e caratteristiche viuzze di campagna, ci porteranno dal parco naturalistico di Turona alla sommità di Montefiascone (Km 42,195), storica cittadina del 100° km dalla tomba di Pietro. Qui sarà possibile ammirare il Monumento e la Torre al Pellegrino posto all’interno del complesso della Rocca dei Papi. Sarà una camminata impegnativa che metterà in evidenza il carattere e la volontà dei partecipanti chiamati a misurarsi con se stessi nell’intento di promuovere una Via, un’antica Via, certamente meta di migliaia di pellegrini nei prossimi anni. La Manifestazione rientra nelle attività ludico motorie del tempo libero ed è dichiaratamente una “camminata non competitiva”. A corollario della tappa originale i partecipanti potranno scegliere altre tre “soluzioni minori” ognuna confacente alle proprie capacità atletiche: Acquapendente-Bolsena (23 km), San Lorenzo –  Nuovo Bolsena (12 km), Bolsena-Montefiascone (20 km). Una bella cartolina per far conoscere e apprezzare il territorio di Tuscia in tutte le sue sfaccettature, per stimolare nel visitatore la voglia di tornare. Vista la grande partecipazione (si attendono 2000 camminatori accorrere da tutta Italia) ad Acquapendente verranno aperte Sabato 1 Giugno le porte di chiese, dimore storiche e cortili. Il tratto che la mattina dopo vedrà protagonisti i camminatori, ospiterà  dei banchi d’assaggio in cui i produttori locali potranno “mettere in risalto” i sapori della Tuscia. Specialità tutte locali, che vanno dalle lenticchie di Onano, ai ceci del Solco Dritto di Valentano, al fagiolo del Purgatorio di Gradoli, al farro della Valle del Paglia, ai prodotti norcini aromatizzati al finocchietto selvatico e altre spezie locali. Non mancheranno i prodotti caseari, né il pesce del vicino lago di Bolsena: prodotti che ormai caratterizzano sempre di più il nostro territorio e lo fanno conoscere nel resto d’Italia e nel mondo. Intrattenimenti musicali andranno in scena nei cortili dei palazzi storici e nelle chiese lungo il tracciato. Protagonista dell’evento sarà comunque l’esaltazione del gusto: gusto gastronomico, gusto musicale, gusto artistico”, comunicano dall’Associazione Arisa che gestirà il tutto.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE