Università Unimarconi

Firmato il decreto di arresto temporaneo dell’attività di pesca

ROMA – Il Mipaaf ha reso noto di aver licenziato il decreto di arresto temporaneo con le disposizioni in materia di interruzione temporanea obbligatoria. Il decreto, firmato dal Sottosegretario delegato per la pesca, il Sen. Francesco Battistoni, è ora in corso di registrazione presso gli organi di controllo.

“E’ un decreto apparentemente di ‘routine’, ma molto importante per il settore – ha dichiarato il Sottosegretario con delega alla pesca – e quest’anno era molto atteso perché introdurrà diverse novità”.“Abbiamo accolto le richieste ormai definite tradizionali, come quelle delle imprese liguri e toscane per interrompere l’attività in ottobre; o quelle delle imprese dell’Alto Adriatico per proseguire il fermo oltre i 30 giorni, scalando una parte dei giorni aggiuntivi – spiega il senatore Battistoni –, ma anche alcun richieste nuove, come quella di alcune marinerie laziali per anticipare il periodo di arresto temporaneo al 12 giugno al fine di tutelare meglio le risorse marine, e con esse la redditività delle imprese. Inoltre, abbiamo iniziato un percorso di valorizzazione per la filiera del gambero di fondo” ha concluso il Sottosegretario, aggiungendo che “il Governo ha dato anche attenzione agli equipaggi, che potranno beneficiare delle misure sociali del Ministero del Lavoro”

Fra le novità, il Mipaaf infatti ha previsto l’individuazione puntuale delle unità che effettuano la campagna annuale dei gamberi di profondità, mentre per i marittimi imbarcati sulle unità che effettuano l’interruzione temporanea è prevista l’attivazione della “misura sociale a sostegno del reddito”.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE