Francigena Musica “Tra arte e spiritualità”

Francigena Musica “Tra arte e spiritualià, i grandi maestri in cammino lungo la via del pellegrino”
“Un viaggio alla scoperta delle Cripte” .6 Comuni, 6 Cripte, 4 Diocesi. L’abbazia dedicata al Santissimo Salvatore benedettina risalente al I sec. d.C si vuole fondata da un duca longobardo. Ma al suo interno – e anche nel resto del nucleo storico del paese – vi sono tali e tanti simboli esoterici, alchemici e templari da far pensare che la sua origine e il suo utilizzo non fossero propriamente religiosi. La parte sicuramente più affascinante della Badia è la cripta, abitata da colonne equidistanti che la riempiono completamente e da quantità di simboli esoterici che hanno dato da fare a più di un esperto. Si è pensato e detto che le colonne volessero riprodurre gli alberi di una ipotetica mistica foresta incantata di wagneriana memoria e anche che le due colonne – la bianca e la nera – collocate in un angolo siano un rimando a Jachim e Boaz, le due colonne del tempio nella tradizione dei Liberi Muratori. In un cantone vi èpure, scolpita nel muro ad altorilievo, la colonna che porta sulla sommitàla croce templare a bracci uguali chiamata cruzeiro lungo il cammino di Compostela e richiamante la fantomatica croce di Hendaye, nel sud della Francia.
La cripta dell’ Abbazia è già stata scenario di concerti musicali, infatti la particolarità architettonica dona la musica suonata all’interno acquista una musicalità tutta orginale e i brani eseguiti assumono carattestiche che li rendono unici all’ascolto. Martedì 30 Aprile, presso L’Abbazia del san Santissimo salvatore in Abbadia San salvatore alle ore 21.30 avrà luogo il secondo concerto del Francigena Musica 2019 “Un viaggio nelle Cripte”. Il momento musicale che vede protagonisti il coro Francigena diretto da Alessio Chiuppesi, l’Ensamble di clarinetti “Arcadia”, i solisti Jun Su Seo e Federica Castelli, sarà il secondo di 6 che vano in tutte le cripte da abbadia san Slavote
passando per Acquapendente, Bolsena, Montefiascone, Viterbo per giungere a Sutri. Durante il quale verranno sfruttate le proprietà “musicali” della cripta rendendo così suggestivo l’ascolto dei brani proposti. Il periodo, che precede la Pasqua, ha dato il tema del primo appuntamento infatti la scelta dei brani è mirata a prepararci spiritulmente alla settimana Santa che si introduce. Verrà eseguito il Miserere di Gregorio Allegri per coro a 5 voci e solisti proprio nella cripta, di seguito lo
Stabat Mater di Giovan Battista Pergolesi per soprano, controtenore, quintetto d’archi e basso continuo ed infine il regina Coeli KW 108 per coro solo e orchestra di W.A. Mozart.

Print Friendly, PDF & Email