Frazioni di Viterbo illuminate per le festività natalizie, a Bagnaia Capodanno in piazza

di REDAZIONE-

VITERBO- Le frazioni di Viterbo si preparano a vivere un Natale scintillante con luminarie, concerti, presepi viventi e l’arrivo di Babbo Natale e della Befana. L’iniziativa coinvolge tutte le ex comunità, da San Martino al Cimino a Roccalvecce, quest’ultima priva di illuminazioni da ben 20 anni. Tuttavia, la vera novità si presenta a Bagnaia, che festeggerà il suo Capodanno in piazza per la prima volta.

Questa mattina la conferenza stampa di presentazione degli eventi con il presidente della Pro loco di Grotte Santo Stefano Marco Lilli, la presidente della pro loco di San Martino, Elisa Turchetti, il presidente della pro loco di Bagnaia, Armando Miralli, il presidente della proloco di Roccalvecce, Giovan Giorgio Afan de Riva Costaguti ed il presidente della pro loco di San’Angelo, Alberto Guerrini. Presente anche Mario Burla, vice presidente dell’associazione Amici di Roccalvecce. L’assessore alla Cultura, Alfonso Antoniozzi, sottolinea che quest’anno il Comune ha deciso di coinvolgere le proloco delle varie frazioni, permettendo loro di prendersi cura dei luoghi in cui vivono e abitano. Katia Scardozzi, assessora al decentramento e agli ex comuni, ribadisce l’importanza di mettere al centro le frazioni nel programma dell’amministrazione.

Il finanziamento complessivo per le festività ammonta a 65mila euro, distribuiti tra le diverse frazioni. Grotte Santo Stefano riceve 25mila euro, San Martino al Cimino 18mila 500, Bagnaia 13mila, Roccalvecce e Sant’Angelo 5mila ciascuno.

Grotte Santo Stefano propone dodici eventi, con ricavato destinato sia all’Avis che alla Misericordia. Inoltre, si avrà Babbo Natale sui trampoli che riceverà le letterine dei bambini ed il mercatino degli artigiani che si svolgerà il 17 dicembre. Da non perdere la mostra dei cinquanta presepi e la casa di Santa Claus.  Ed ancora i concerti  del 19, 22 e 23 dicembre. Inoltre, il 26 ci sarà il presepe vivente, mentre il 5 gennaio arriverà la Befana e il 6 gennaio i Re Magi.

San Martino al Cimino si distingue per un investimento importante nelle luminarie, mentre a Bagnaia è atteso un Capodanno in piazza con i dj di Radio 105 Skar e Manfree.

Le festività includono anche eventi come concerti, mostre di presepi, spettacoli di magia e giochi per bambini. A Bagnaia ci sarà l’8 dicembre l’accensione dell’albero di Natale, luminarie e l’apertura del presepe. Ci saranno anche stand, spettacoli di magia, pesca di beneficenza e giochi per bambini. Il 22 dicembre, inoltre, si terrà il concerto della banda Ferentum nella chiesa di San Giovanni Battista. Anche in occasione dell’Epifania si terranno pesca di beneficenza, spettacoli di magia e la lotteria. Da non dimenticare, infine, il presepe vivente il 26 e 30 dicembre e il 7 gennaio.

Luminarie, Babbo Natale e Befana animano anche Roccalvecce e Sant’Angelo, dove  ci sarà l’albero in piazza e il 6 gennaio l’arrivo della Befana. A Roccalvecce, invece, arriverà Babbo Natale il 22 dicembre. Inoltre, si svolgerà il concerto del coro Gospel Act Singer e nel pomeriggio della vigilia ci saranno artisti di strada che suoneranno musiche natalizie.

A San Martino, in piazza Mariano Buratti , è stato già decorato dai bambini della scuola Albero Manzi,  l’albero di Natale. In abbazia, il 17 dicembre, si terrà  il concerto del prestigioso Amazing Grace Gospel Choir. A Tobia, invece, nel  pomeriggio dell’8 dicembre saranno offerti focaccia, biscotti e cioccolata calda.

In sintesi, le frazioni di Viterbo si preparano a celebrare un Natale radiante, coinvolgendo la comunità e offrendo un ricco calendario di eventi per tutte le età.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE