“GESTOS”, quando il flamenco diventa arte

di MARIELLA ZADRO –

VITERBO – In Via delle Mura, n.17 in Viterbo si trova la sede dell’associazione culturale “La Caterinaccia”, nata con lo scopo di dare visibilità alla produzione sociale, culturale e politica delle donne.

Non a caso è stato scelto questo nome, perché Giovanna Pannega, questo è il suo nome originario, fu un personaggio popolare che la cittadinanza ricorda ancora oggi.

Classe 1890, fu donna, madre, simbolo di schiettezza e fierezza con la sua indimenticabile libertà di parola e di pensiero.

All’interno di questo centro, Marta Nori e Laura Scaramuccia, Presidente e Vice Presidente, hanno organizzato Kyanos, luogo di incontro, scambio e condivisione.

Dal 1 all’8 luglio 2022, nei loro locali ospitano, una mostra di quadri dell’artista Feliciano Gavira Alba “CHANO” che ritraggono ballerine e ballerini di flamenco.

Chano, proviene da una famiglia di artisti, infatti due fratelli Antonio e Jesus sono scultori e altri componenti sono interessati alle arti in genere.

Di origine sivigliana, vive da diverso tempo nella Tuscia, terra che ha amato da subito.

Nelle sue opere troviamo tutta la gestualità che la ballerina esprime nell’atto della danza: le mani, le espressioni del volto, gli sguardi, le posizioni che di volta in volta assume.

Lo sguardo del visitatore si ferma sui tanti particolari ritratti che lasciano spazio all’immaginario musicale della danza andalusa.

Abbinate a queste immagini, l’artista ha realizzato dei quadri con i ritratti maschili e gli ulivi; due elementi che vanno a completare l’atmosfera del flamenco e che sono state esposte alla Biennale del Flamenco di Siviglia.

E’ passata per un saluto l’assessore regionale Alessandra Troncarelli, complimentandosi con l’artista, per le suggestive opere.

A completamento della mostra, il giorno di chiusura, venerdì 8 luglio, sarà presente per un momento di danza Elisa Anzellotti.

Print Friendly, PDF & Email