Giorgia Meloni a Viterbo: “Il centrodestra non è distrutto”

di SIMONE CHIANI-

VITERBO – La leader nazionale di Fratelli d’Italia ha fatto visita alla Città dei Papi per presentare il suo libro “Io sono Giorgia“, nel quale sono raccontate le sue “radici” e le sue “idee”.

L’incontro, aperto al pubblico, si è svolto alle Terme Salus questo pomeriggio e ha permesso a un’ingente quantità di persone di incontrare la Presidente di FdI. Il nucleo dell’evento ha riguardato inevitabilmente la neo-respinta riforma sul Presidenzialismo, per la quale la leader di FdI continua a battersi e al quale ha dedicato gran parte della presentazione. Diversi i giudizi anche sulla riforma della legge elettorale, giudicata un “modo della maggioranza uscente per apparecchiarsi la rielezione”.

Non è tuttavia difficile comprendere come un evento simile, a un mese dalle elezioni viterbesi, abbia un significato ben più profondo della semplice divulgazione del libro e dei motivi nazionali. E infatti la stessa Meloni commenta subito il vicino scontro così: “Laura Allegrini è il miglior candidato possibile, una persona di grande esperienza e concretezza. Viterbo ha bisogno di lei in una fase come questa”.

“Speriamo che il centrodestra possa ritrovare unità – prosegue la leader di FdI – qui e in altri comuni. Il centrodestra non è distrutto, non va ricostruito ma costruito. C’è da lavorare. Però per costruire servono regole chiare e sano orgoglio”.
Fatto che ritorna anche in ambito nazionale, per il quale “c’è una compattezza di fondo, una convergenza, nonostante le incomprensioni”.

Nel finale della conferenza stampa, prima della presentazione del libro, una battuta anche su eventuali alleanze con M5S e PD: “I cittadini che ci votano non lo fanno per vederci inseguire le sirene della sinistra.

Photogallery (Foto di Federico Usai)=

Print Friendly, PDF & Email