Giorgio Graziotti, uno studente disabile dell’università della Tuscia raccontato da una studentessa del South Carolina

Segue la traduzione in italiano:  “If I did it, everybody can”: Giorgio Graziotti’s Testimony of Studying Abroad with a Disability. Giorgio Graziotti is currently one year awayusac from receiving his second level degree in Political Science and Communications from Università degli Studi della Tuscia. While earning a degree with the highest possible scores has required an incredible amount of learning and hard work, it could be said that Giorgio’s most profound knowledge and growth has come from an

entirely different and unexpected experience. A native of Viterbo, Italy, Giorgio has grown up learning the paths of the city. But unlike others, he has had to overcome the challenge of discovering the town by way of a wheelchair. Though he thinks this hilly city to be architecturally beautiful, it has been a very difficult city to maneuver as a person with a disability. This is true in a physical sense, but it also has been reflected on relationships. From elementary school through high school, Giorgio was faced with the stereotype of “the guy with a disability.” Friendships with schoolmates were sometimes superficial because he was seen as having advantages and privileges in school.

“These never went any deeper,” Giorgio said, and he was “not considered as a person with a character.” Because of these experiences, he was afraid to enroll in a university, fearing that the situation would be the same. However, the fall after high school graduation, he found himself at Universita degli Studi della Tuscia at San Carlo, pushed there by his mother. Here he began his first level degree in Political Science and Communications. Physically, it was easier for Giorgio, and the location did not have as many “architectural barriers” as other schools. To accompany this positive experience, he also found that relationships with schoolmates improved significantly. He partly attributes this to the fact that he personally grew up and did not have as many fears as he did in his youth.

But also, he became friends with fellow student tutors who are paid by the University to help students with disabilities. “At the beginning,” Giorgio explained, “the student was only a tutor. But shortly we became friends.” Through this, he met and become close with many people, one of whom, Cecilia, has become his best friend. Cecilia and Giorgio have become so close friends he wears a ring with her name engraved on the inside. The close relationships have not only been in Viterbo, however. Early last year, Giorgio applied to study abroad with a program called “Erasmus Study” in Seville, Spain, thinking he would not be chosen. But in March of 2012, Giorgio once again found himself in a new and unexpected situation. “I had many fears before going,” Giorgio said, but he was helped by his mom and Felicetta Ripa, the woman responsible for Italian students in the Erasmus project. She became a second mom for Giorgio, from both a school and personal standpoint, while he was abroad. To help him adjust and find an apartment, Giorgio’s mom stayed with him in Spain for the first couple of weeks. Then, for the entire six months that he was there, Giorgio had a tutor named Alessio, who helped him with any physical or school-related need. Upon arrival, Giorgio visited an office at the university called “SACU,” which is in charge of helping students with disabilities and assigning a tutor who would help him for the entirety of the program. When he began going to class, he met another student named Andreas, who simply started talking to Giorgio. After, Giorgio asked SACU if Andreas could be assigned as his tutor. “This was the first time I felt like a regular student meeting another student in a class,” he said. In Viterbo, he had helpers who became friends, but in Seville, he had friends who turned into helpers. “During study abroad, I could live and forget I had a disability,” Giorgio stated.

Unlike Viterbo, Seville was very easy to get around and there were no physical barriers. He could go wherever he wanted. Since returning from Seville and beginning his final year at Universita degli Studi della Tuscia, Giorgio applied for an internship with Erasmus Placement. He has been accepted, meaning he will return to Seville from April to July of 2014 to intern at the SACU office as an administrator for helping study abroad students with disabilities. The excitement has not stopped with this acceptance, however. Giorgio was the first Italian disabled student to study abroad with Erasmus. Because of his experience in Seville and because he gained the highest possible grade in his degree, Giorgio was invited by the Education Ministry of Italy to Rome for the opening of the 2013-2014 school year. Two Tuscia faculty members, Professor Grego, the director of the Study Abroad Office, and Professor Senni, Dean’s delegate for helping students with disabilities, were also invited as representatives. While in Rome, he had several interviews and he was privileged to meet the Minister of Public Education. The President of the Italian Republic was also present, although Giorgio was unable to meet him. Additionally, he was interviewed during the opening ceremony about Erasmus, which was broadcasted live on Italy’s largest television station, RAI 1.

After being informed that he would be interviewed, he was also told the opposite, so he was taken by surprise and forgot everything when they actually did decide to speak with him, a humorous event in Giorgio’s recollection. Giorgio says that studying abroad was “fundamental for his life” and that everyone should “try, try, try,” because it’s very important. As advice for anyone studying abroad or planning to do so, he encourages that they be able to adapt, that they have a strong will, and that they embrace a great desire to learn new things. When asked if he recommends that disabled students study abroad in Viterbo, he highly supported it from an academic perspective. Geographically, he advised that if there is a place with fewer difficulties, it would be better, because someone (usually his mother or sister) always has to accompany him to school. As a whole, however, Giorgio said, “Why not? People are always willing to help, despite geographical difficulties.” Since studying abroad, Georgio has become a different person.

He attributes his change not only to the fact that he was living on his own, but also to what he calls “The Spanish Family,” which consists of the people he met in Seville. He recommends the experience for anyone, especially those with disabilities, saying “If I did it, everybody can.”

 

TRADUZIONE IN ITALIANO: Giorgio Graziotti è attualmente a un anno dalla laurea specialistica in Scienze Politiche e comunicazioni all’Università degli Studi della Tuscia. Ha conseguito la laurea con il massimo del punteggio e cio’ gli ha richiesto uno sforzo incredibile e duro lavoro, molto di più di quanto costi ai ragazzi cosiddetti “normali”. Giorgio, nato e vissuto a Viterbo, è infatti un ragazzo disabile; è cresciuto imparando a muoversi e a gestire la sua vita per le vie della città ma diversamente dagli altri : su una sedia a rotelle. Sebbene sia convinto che questa città medioevale e collinare sia molto bella dal punto di vista architettonico, deve tutti i giorni confrontarsi con difficoltà oggettive per le innumerevoli barriere architettoniche che sono un grande problema per un disabile motorio. E accanto alle difficoltà di ordine pratico non sono mancate quelle di ordine psicologico, una piccola città di provincia ha spesso anche barriere “culturali” , più difficile stabilire relazioni e amicizie.

Dalla scuola elementare al liceo, Giorgio è stato etichettato con lo stereotipo del “ragazzo con disabilità”. Le amicizie con i compagni di scuola erano spesso superficiali in quanto era visto come un ragazzo che aveva vantaggi e privilegi a scuola, a causa della sua situazione. “Le amicizie a scuola non sono quasi mai state profonde”, ha detto Giorgio, e lui “non è mai stato considerato dai compagni solo per la sua personalità”. Per tutti questi motivi dopo il diploma al liceo classico linguistico la decisione di iscriversi all’università è stata difficile ma dopo molti ripensamenti e sollecitato dalla mamma si è iscritto all’Università degli Studi della Tuscia a San Carlo. Qui ha cominciato la laurea triennale in Scienze Politiche e Comunicazioni. Le relazioni con i colleghi dell’università sono finalmente diverse e migliorate in maniera significativa.

L’università offre anche un’ ottimo servizio di supporto ai ragazzi con disabilità e Giorgio, come altri ragazzi nelle sue condizioni, ha potuto avere dei ragazzi tutor che l’hanno aiutato nelle sue necessità. Molto spesso la collaborazione è diventata un ‘ottima amicizia “All’inizio” , ha spiegato Giorgio, ”lo studente è solo un tutor ma in poco tempo si diventa amici”. In ogni caso, le amicizie strette non sono nate solo a Viterbo. Più di un anno fa, Giorgio ha richiesto di studiare all’estero con il programma “Erasmus” precisamente a Siviglia, in Spagna, pensando che difficilmente sarebbe riuscito a vincere il bando. Ma nel Marzo del 2012, Giorgio ancora una volta si è ritrovato in una nuova e inaspettata situazione. La risposta era positiva…era arrivato il tempo di andare! “Prima di partire ero molto preoccupato e quasi avrei rinunciato”, ha detto Giorgio, ma è stato aiutato da sua madre e dalla dott.ssa Felicetta Ripa, dell’ Ufficio Mobilità e Cooperazione Internazionale. “Felicetta è stata quasi una seconda mamma” dice Giorgio, “sia dal punto di vista didattico che personale, mi ha sostenuto sia prima di partire che mentre ero all’estero.” In poco tempo la situazione è cambiata: non appena iniziato ad andare a lezione, Giorgio ha conosciuto uno studente di nome Andreas, con il quale ha stretto subito amicizia.

Successivamente, Giorgio ha chiesto al SACU (servizio di assistenza per ragazzi con disabilità dell’università di Siviglia) che Andreas potesse essere assegnato a lui come tutor. “E’stata la prima volta che mi sono sentito come uno studente normale che conosce un altro studente in classe”, ha detto. A Viterbo i suoi tutor erano diventati anche amici, ma a Siviglia il processo è stato inverso: aveva prima incontrato un amico che sarebbe poi diventato il suo tutor. “Nel periodo di studio all’estero, ho potuto vivere e dimenticarmi di avere una disabilità”, ha affermato Giorgio. Diversamente da Viterbo, Siviglia era facile da gestire e non c’erano barriere fisiche. Poteva andare ovunque desiderasse. L’Erasmus è stato una esperienza meravigliosa, finalmente di vita autonoma e libera, in una città bellissima che aiuta e supporta i possessori di handicap, con tantissima gente di grande apertura mentale che accoglie e riesce ad integrare i “diversi”a tutti i livelli. Tanto che Giorgio anche quest’anno ha presentato la domanda per il bando “Erasmus Placement” ed è stato accettato; ciò significa che tornerà a Siviglia da Aprile a Luglio 2014 spera come tirocinante al SACU per aiutare gli studenti disabili che come lui stanno vivendo l’esperienza dello studio all’estero. Grazie a questa esperienza e grazie al fatto che ha ottenuto la laurea con il massimo dei voti, Giorgio è stato premiato per il suo coraggio al Festival d’Europa ed è stato invitato dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca a Roma al Quirinale per l’inaugurazione dell’anno accademico 2013-2014.

Due membri della facoltà della Tuscia, il professor Grego, dirigente dell’ufficio Relazioni Internazionali dell’Università e il Delegato per il Rettore per gli studenti con disabilità, Prof. Saverio Senni, lo hanno accompagnato. La cerimonia era alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana. La testimonianza di Giorgio riguardo la sua esperienza Erasmus è stata trasmessa quindi dalla più importante rete televisiva italiana, RAI 1, un’altra bella soddisfazione per lui. Giorgio afferma che studiare all’estero è stato “ fondamentale per la sua vita” e chiunque dovrebbe “provare, provare, provare”, perché è davvero importante.

Per chi studia all’estero o per chi stia pensando di farlo, Giorgio consiglia di mettersi alla prova, di avere curiosità e voglia di adattarsi a nuove situazioni, di avere grande forza di volontà, e abbracciare il desiderio di imparare cose nuove. Quando ho chiesto a Giorgio se lui raccomandasse agli studenti disabili di fare un’esperienza di studio dall’estero a Viterbo, lui mi ha risposto che dal punto di vista accademico si sente di consigliarla a tutti, ma che, geograficamente, Viterbo è una città che presenta delle difficoltà per una persona con il suo tipo di disabilità. In sostanza però, Giorgio ha anche affermato: “perché no? Le persone sono sempre disposte ad aiutare malgrado le difficoltà geografiche.”

Da quando ha studiato all’estero, Giorgio è diventato un’altra persona. Attribuisce il suo cambiamento non solo al fatto di aver vissuto da solo, ma anche a ciò che lui chiama “la Famiglia Spagnola”, ossia le persone che ha conosciuto a Siviglia. Consiglia l’esperienza a tutti, specialmente a ragazzi con disabilità, dicendo “ se ce l’ho fatta io, tutti possono farcela”.

   

Leave a Reply