“Giornata della Memoria”, la scrittrice e giornalista Lia Levi ad Acquapendente

ACQUAPENDENTE ( Viterbo) – La scrittrice e giornalista Lia Levi sarà ospite d’onore di Comune Acquapendente e Demea Eventi Cult nella mattinata di Sabato 27 Gennaio 2024. Nell’ambito della Giornata della Memoria dialogherà alle ore 10.30 presso il Teatro Boni con una rappresentanza di docenti e studenti dell’Istituto Omnicomprensivo Leonardo Da Vinci di Acquapendente partendo dai temi principali del libro “Una bambina e basta” che nella recensione della Casa Editrice Feltrinelli non è altro “che la storia di una bambina ebrea e del suo rapporto con la madre. La piccola viene nascosta in un convento cattolico alle porte di Roma per sfuggire alla deportazione. È attratta dal dio “buono dei cristiani e non da quello sempre arrabbiato degli ebrei”, dalla sicurezza di quel mondo cattolico non minacciato, da una lieve vertigine mistica ambiguamente incoraggiata da qualche monaca, dalla speranza d’interpretare la Madonna alla recita di Natale. Ma quando è a un passo dall’abbracciare la nuova fede, interviene la madre, “tigre, leonessa, che ha poco tempo per libri e sinagoghe perché deve difendere le figlie”, la loro vita ma anche la loro identità minacciata. Solo a guerra terminata potrà dire alla figlia: tu non sei una bambina ebrea, sei una bambina e basta” Nata a Pisa nel 1931,nei primi anni ’40 la sua famiglia, piemontese ma di origine ebraica, si trasferisce a Roma. Lia a salvarsi dalle deportazioni e alla persecuzione razziale della guerra. Nel 1967 ha fondato Shalom, un mensile di cultura ebraica. Il dialogo sarà introdotto dai saluti istituzionali della Sindaca Alessandra Terrosi.

 

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE