“Giornata Nazionale in memoria delle Vittime delle Marocchinate”, arrivano le prime adesioni

VITERBO – Sono già trenta le città dove si svolgerà la prima edizione della “Giornata Nazionale in memoria delle Vittime delle Marocchinate”, durante la quale saranno commemorati i 60.000 italiani, donne e uomini, violentati delle truppe coloniali francesi.

Il presidente dell’associazione nazionale vittime delle marocchinate, Emiliano Ciotti, esprime soddisfazione per queste prime adesioni e invita le amministrazioni comunali a organizzare l’evento.

“Siamo felici di queste prime trenta adesioni – dichiara Emiliano Ciotti – presidente nazionale ANVM e autore di libri sull’argomento – altre ci sono state preannunciate e presto saranno formalizzate. Lanciamo un appello a tutti i Comuni colpiti da questo flagello – conclude Ciotti – ci rivolgiamo ai Sindaci, agli assessori, ai consiglieri comunali di maggioranza e opposizione, affinché il 18 maggio siano tante le città a organizzare l’evento.”

Molti i Comuni che durante la seconda guerra mondiale sono stati colpiti dal triste fenomeno delle marocchinate. Infatti, le violenze da parte dei coloniali francesi contro i civili italiani iniziarono con lo sbarco in Sicilia nel luglio 1943, proseguirono in Campania, nelle provincie laziali di Frosinone, Latina, Roma e Viterbo; in Toscana nel senese e nel grossetano e nell’isola d’Elba, per terminare alle porte di Firenze nel luglio 1944.

Per aderire alla manifestazione si può compilare il modulo sul sito www.marocchinate.org; o inviare una mail a presidente@marocchinate.org

Print Friendly, PDF & Email