Università Unimarconi

Giovedì in Consiglio la presentazione della relazione annuale del Garante

Anastasìa riferirà sull’attività svolta e illustrerà i dati sulla popolazione ristretta negli istituti penitenziari del Lazio, nell’Ipm Casal del Marmo, nelle Rems e nel Cpr di Ponte Galeria

Il Garante dei detenuti, Stefano Anastasìa, nella sala Mechelli del Consiglio regionale del Lazio.
Giovedì 11 luglio, nella sala Mechelli del Consiglio regionale del Lazio, a partire dalle ore 11, il Garante delle persone sottoposte a misure restrittive della libertà personale della Regione Lazio, Stefano Anastasìa, consegnerà al presidente del Consiglio regionale, Antonello Aurigemma, la relazione annuale sull’attività svolta nel 2023, così come previsto dall’articolo 7 della legge regionale n. 31/2003, istitutiva di questa autorità di garanzia. Anastasìa presenterà i dati relativi alla popolazione ristretta negli istituti penitenziari del Lazio, nell’Istituto penale minorile Casal del Marmo, nelle Residenze per l’esecuzione delle misure di sicurezza (Rems), nel Centro di permanenza per il rimpatrio di Ponte Galeria.

Il Garante riferirà sulle numerose segnalazioni ricevute attraverso un’intensa attività di monitoraggio della struttura di supporto, del servizio di sportello per i diritti svolto dalle università del Lazio e da Arci Solidarietà Viterbo, nonché sulle segnalazioni direttamente arrivate agli indirizzi ufficiali del Garante da detenuti stessi, avvocati, familiari e tutti coloro a vario titolo interessati al perseguimento dei diritti della popolazione detenuta. Il Garante riferirà inoltre sugli interventi finanziati grazie agli stanziamenti annuali della legge regionale 7/2007, “Interventi a sostegno dei diritti della popolazione detenuta della Regione Lazio”, e realizzati dall’amministrazione penitenziaria, dalle università del Lazio e da diverse associazioni e cooperative.

L’evento in sala Mechelli sarà trasmesso in diretta streaming attraverso la pagina Facebook garanteprivatilibertalazio e il canale Youtube Garante Detenuti Lazio.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE