Università Unimarconi

Giulivi: “Grazie alla sinistra i bambini non nascono più all’ospedale di Tarquinia”

TARQUINIA (Viterbo)- Nei mesi scorsi, molto prima della campagna elettorale, abbiamo presentato l’eccezionale processo di riqualificazione, ammodernamento e potenziamento del nostro ospedale. Parliamo di oltre 17 milioni e mezzo di euro già stanziati per lavori che per una prima parte sono già avviati e conclusi e per una seconda parte verranno completati entro il primo trimestre del 2026.
Durante la campagna elettorale, invece, la sinistra ha provato ad attaccare il nostro operato sull’ospedale parlando di “smantellamento dei reparti”. Un’affermazione assolutamente fuori contesto a cui rispondiamo con un breve excursus storico.
La regione Lazio, dal 2013 al 2022, è stata guidata da Nicola Zingaretti che insieme all’allora sindaco Mauro Mazzola ha portato a moltissimi disagi per il nostro comune. Tra i tanti, guarda caso, c’è proprio la chiusura del reparto di ginecologia e ostetricia dell’ospedale di Tarquinia datata 2015.
È proprio grazie alla sinistra che i nostri i bambini non nascono più a Tarquinia. Ed è sempre grazie alla sinistra che le mamme sono costrette ad affidarsi alle strutture di Civitavecchia, Roma e Viterbo.
In caso di vittoria del centrosinistra alcuni dei “protagonisti” di allora torneranno nuovamente tra i banchi della maggioranza. È questo il grande cambiamento che intende portare Francesco Sposetti?
Se vincerà il centrodestra ci impegneremo per riaprire quanto prima i reparti di ginecologia e ostetricia dell’ospedale. In questo modo i nostri bambini potranno tornare a nascere a Tarquinia.

Comitato Giulivi per Tarquinia

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE