Gli aggiornamenti su Omicron

Riceviamo e pubblichiamo: “Quello che sappiamo OGGI su Omicron, l’ultima “variante del SARS-CoV-2”, DOMANI sapremo di più. Una variante del coronavirus, rilevata per la prima volta in Sudafrica, si è ora diffusa in diversi altri paesi, tra cui Israele e Belgio, provocando un’ondata di restrizioni di viaggio in Europa, Asia e Nord America .

La nuova variante, chiamata Omicron, porta un numero preoccupante di mutazioni che potrebbero renderla più trasmissibile o più incline a causare malattie gravi rispetto alla variante Delta , affermano gli esperti di sanità pubblica.

Prove preliminari suggeriscono che Omicron può aumentare il rischio di reinfezione rispetto ad altre varianti che preoccupano, ha affermato l’OMS.

Ma gli scienziati hanno appena iniziato a esaminare la minaccia di Omicron: a livello globale sono state segnalate meno di 100 sequenze del genoma della variante, rispetto agli oltre 2,8 milioni di sequenze di Delta.

“Non sappiamo ancora molto su questa variante”, ha detto Maria van Kerkhove, responsabile tecnico dell’OMS sulla COVID-19 , durante un briefing di giovedì. “Quello che sappiamo è che questa variante ha un gran numero di mutazioni e la preoccupazione è che quando si hanno così tante mutazioni si può avere un impatto sul comportamento del virus”.

Ha aggiunto: “Ci vorranno alcune settimane per capire quale impatto ha questa variante”.

Molti scienziati sperano in risposte molto prima, ha detto a Insider Katelyn Jetelina, epidemiologa della UTHealth School of Public Health.

La variante potrebbe non essere rilevata in alcune parti del globo, ha detto.

“Non sarei sorpreso se fosse già sbarcato negli Stati Uniti”, ha detto Jetelina. “Abbiamo già visto che questo si sta trasmettendo in comunità come Turchia, Egitto, Belgio, Israele”.

Omicron contiene diverse nuove mutazioni sconosciute.

I ricercatori sudafricani hanno identificato il primo caso di Omicron il 9 novembre, quindi hanno segnalato la variante all’OMS mercoledì.

Gli scienziati sperano di aver individuato presto la variante, poiché la maggior parte dei casi noti è ancora concentrata nell’Africa meridionale.

“Il Sudafrica ha uno dei migliori sistemi di sorveglianza genomica al mondo, quindi sappiamo che valutano costantemente questo virus”, ha detto Jetelina. “Il fatto che abbiano rilevato ‘solo’ 100 casi finora in Sudafrica ci fa davvero sperare che questa sia la fase iniziale della diffusione”.

Tuttavia, un certo numero di marcatori suggerisce che Omicron è altamente trasmissibile rispetto ad altre varianti di coronavirus.

Per prima cosa, i casi di coronavirus in Sudafrica sono aumentati notevolmente nelle ultime settimane: i casi medi giornalieri sono aumentati di tredici volte da quando la variante è stata scoperta per la prima volta il 9 novembre, passando da circa 275 a 3.700 casi al giorno, secondo i dati della Johns Hopkins University.

Omicron contiene anche diverse mutazioni preoccupanti trovate in altre varianti che hanno causato preoccupazione, tra cui Delta e Alpha, le quali potrebbero aiutarlo a diffondersi, rendere i vaccini meno efficaci o portare a malattie più gravi.

La nuova variante porta anche alcune mutazioni sconosciute.

“Ci sono un certo numero di mutazioni di cui non abbiamo alcuna informazione”, ha detto Jetelina. “Non le hanno mai viste su precedenti varianti importanti.

Finora gli scienziati hanno identificato 32 mutazioni sulla proteina spike della variante, le protuberanze sporgenti a forma di corona sulla superficie del virus che lo aiutano a invadere le nostre cellule.

Altre varianti preoccupanti hanno avuto meno mutazioni.

Un numero maggiore di mutazioni non rende necessariamente una variante più letale o più trasmissibile, né suggerisce di per sé che Omicron rappresenterà una sfida maggiore per i vaccini rispetto ad altre varianti preoccupanti.

“Non sappiamo ancora se questa nuova variante sta superando Delta”, ha detto Jetelina. “Inoltre, non sappiamo ancora se eluderà ancora i nostri vaccini”.

Gli scienziati stanno ancora aspettando studi di laboratorio per determinare quanto bene gli anticorpi del coronavirus , provenienti da infezioni naturali o vaccini, resistono contro Omicron.

Stanno anche osservando attentamente per vedere quanto velocemente la variante si diffonde in tutto il mondo, in particolare nei paesi con tassi di vaccinazione più elevati. (Il Sudafrica ha vaccinato completamente solo il 24% della sua popolazione).

“Dobbiamo solo tenere duro per vedere come andrà a finire e quale sarà la nostra prossima mossa”, ha detto Jetelina.

Moderna , BioNTech-Pfizer e Johnson & Johnson hanno dichiarato venerdì che stavano testando quanto i loro vaccini proteggessero contro l’Omicron.

Le persone che sono state completamente vaccinate e indossano maschere in ambienti chiusi pubblici non dovrebbero sentirsi obbligate a cambiare il loro comportamento in questo momento, ha aggiunto Jetelina.

Mike Ryan, direttore esecutivo del programma di emergenza sanitaria dell’OMS, ha condiviso un messaggio simile giovedì”.

SCIENCE ALERT.

ARIA BENDIX, BUSINESS INSIDER

Giovanni Ghirga

Print Friendly, PDF & Email