Grande attesa per la sesta edizione del Festival “I Bemolli sono Blu”

VITERBO – Aspettando il nuovo Festival “I Bemolli sono blu-Viterbo in Musica” (24 settembre-12 novembre 2022), l’ideatore e direttore artistico M. Sandro De Palma, senza entrare nel programma, che sarà illustrato in una prossima conferenza stampa a Palazzo dei Priori di Viterbo, alla presenza della sindaca Chiara Frontini, ribadisce l’importanza di promuovere il territorio della Tuscia anche attraverso la musica, in sinergia con i piccoli e deliziosi borghi di Bagnaia e San Martino al Cimino, proponendo tra artisti di fama internazionale e talentuosi giovani interpreti di grandi compositori, anche serate speciali dedicate all’approfondimento e all’educazione all’ascolto, rivolte a tutti.

“Giunto alla sesta edizione, il Festival è una realtà ormai consolidata a Viterbo e frazioni – anticipa il M. De Palma – e comincia ad essere conosciuto anche all’estero soprattutto in Francia, in Germania e in Svizzera, grazie alla rete di rapporti che l’Associazione Musicale Muzio Clementi ha intessuto negli anni. Il pubblico ha gradito molto la formula del Festival che abbina luoghi intrisi di bellezza e di storia a varie linee programmatiche diverse ma con un tema predominante. Questo è l’ultimo dei tre anni dedicati al Romanticismo, inteso come un nuovo sentimento della natura, così presente nella Tuscia. Bellezza e storia rappresentano perfettamente lo spirito del festival”.

Il Festival “I Bemolli sono blu -Viterbo in Musica 2022” ha il sostegno della Regione Lazio, Ministero della Cultura, Comune di Viterbo, Fondazione Carivit, Unindustria Viterbo e si svolge in collaborazione con il Touring Club Italia sezione di Viterbo, l’Università degli Studi della Tuscia, l’Ordine Equestre del Santo Sepolcro di Gerusalemme e con l’appoggio tecnico di Carramusa Group, Alfonsi Pianoforti, Associazione Amici di Bagnaia, Fotoreporter Bruno Fini.

Print Friendly, PDF & Email