I carabinieri di Viterbo bloccano inizio di rave party a Castel d’Asso

VITERBO – Il Comando Provinciale Carabinieri di Viterbo, fin dagli inizi del mese di settembre, sta attuando in tutto il territorio di competenza, controlli straordinari con l’impiego di numerose pattuglie dei reparti dipendenti, supportati dai militari della Compagnia Intervento Operativo (C.I.O.) del 6° Battaglione Carabinieri Toscana.
Grazie alla presenza di un elevato numero di pattuglie dell’Arma nel comune di Viterbo e delle zone limitrofe, è stato possibile individuare un flusso di mezzi e persone che, diretti nella zona di Castel d’Asso, stavano per dare inizio ad un rave party all’interno di un fabbricato in stato di abbandono. L’evento clandestino è stato stroncato sul nascere grazie all’intervento congiunto con la Polizia di Stato.
Tra le persone in procinto di partecipare al rave party è stato fermato un giovane italiano che, sottoposto a controlli e a perquisizione, è stato trovato in possesso di alcuni grammi di droga di diversa natura, anche sintetica, destinati allo spaccio. In particolare, sono stati sequestrati allucinogeni e marijuana.
Il giovane e stato, quindi, arrestato e posto a disposizione dell’A.G..

PRESUNZIONE DI INNOCENZA
Il soggetto indagato è persona nei cui confronti vengono fatte indagini durante lo svolgimento dell’azione penale; nel sistema penale italiano la presunzione di innocenza, art 27 Costituzione, è tale fino al terzo grado di giudizio e la persona indagata non è considerata colpevole fino alla condanna definitiva

Print Friendly, PDF & Email