“I sonetti di Orazio Carnevalini”: presentazione del libro alla fondazione Carivit

VITERBO – La Fondazione Carivit è lieta di annunciare, con il patrocinio della stessa, l’evento di presentazione del libro “I sonetti di Orazio Carnevalini” di Paolo Tassoni, previsto per venerdì 22 luglio 2024, alle ore 17:00, presso la “Sala delle Assemblee” della FONDAZIONE CARIVIT, situata in via Cavour, 67 – Viterbo.

Il volume pubblicato dalla casa editrice Davide Ghaleb e sostenuto dal Comune di Viterbo attraverso il patrocinio gratuito, fa parte della collana “Quaderni di Viterbo”, fondata da Enrico Guidoni.

La cerimonia sarà inaugurata da Aldo Piermattei con un caloroso saluto a nome della Fondazione Carivit, seguito dagli interventi di Chiara Frontini, Sindaca di Viterbo, Alfonso Antoniozzi, Assessore alla Cultura, e Paolo Tassoni, autore dell’opera. La moderazione dell’evento sarà affidata a Lorenzo Abbate.

“I sonetti di Orazio Carnevalini” offrono un’immersione nella vita di un poeta viterbese spesso trascurato, Orazio Carnevalini. Deceduto prematuramente all’età di appena vent’anni nel 1823, il giovane poeta è definito come una promessa interrotta.

Attraverso lo studio attento dei versi di Carnevalini, Paolo Tassoni ha dedicato il suo lavoro a recuperare la voce di un poeta il cui ricordo si era smarrito nel corso del tempo. Nella breve vita di Carnevalini, oltre alla sua dedizione alla tragedia, è nei sonetti che emerge la parte più intima e autentica del suo talento.

Immerso nel contesto storico-culturale dell’inizio dell’Ottocento, Carnevalini riversa nelle sue poesie le passioni e gli ideali di un’anima inquieta. Mentre l’amore per una giovane nobildonna viterbese lo travolge, il suo cuore è lacerato dall’amore per la libertà e per la Patria oppressa.

Un evento imperdibile per tutti gli amanti della cultura e della poesia, che permetterà di scoprire un capitolo affascinante e poco conosciuto della storia letteraria viterbese. Vi aspettiamo numerosi per celebrare insieme questa serata dedicata all’arte e alla memoria.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE