Ieri svolta la prima delle quattro cene con i facchini: sul palco pace fatta tra sindaco e Sodalizio

di REDAZIONE-

VITERBO- Grande affluenza di gente ieri per la prima delle quattro cene in piazza con i facchini, a piazza San Lorenzo. Presente anche la sindaca Chiara Frontini, mentre non lo erano sia il prefetto che il questore. Oltre all’affluenza c’è da segnalare la pace fatta sul palco tra il Sodalizio dei facchini e la sindaca. E’ stato proprio il presidente del Sodalizio, Massimo Mecarini a fare il primo passo, ringraziando il Comune per la piazza messa a disposizione per queste cene e sottolineando poi: “C’è perfetta armonia e sintonia. Il trasporto è stato meraviglioso, anche se è partito con ritardo”. Ha poi invitato la sindaca a salire sul palco ed il pubblico a farle un grande applauso. Frontini ha accolto l’invito ed ha rimarcato come tra lei e il Sodalizio non sia successo nulla. Ha, quindi, sottolineato: “Quando abbiamo deciso di fare le cene dopo il trasporto per paura di un focolaio Covid, mai avremmo pensato di spegnerne un altro”. Sul trasporto ha poi detto: “Siamo orgogliosi di come sia andato il trasporto perché la Macchina di Santa Rosa è tornata a casa dopo due anni di fermo e se ci sono degli aggiustamenti da fare li faremo. Chi fa polemica non ama la città, così come chi strumentalizza cosa succede nel corso del trasporto”. La sindaca ha, infine, posto l’accento sull’importanza del riconoscimento Unesco: “La città non merita di volare a bassa quota e la Macchina rappresenta il suo vanto più grande. Per questo dobbiamo volare alto come aquile. Il 31 agosto abbiamo fatto proprio qui un concerto di pace con l’Unesco  ed è sulla base di questi valori che noi dobbiamo promuovere e valorizzare il patrimonio immateriale di Santa Rosa e lo dobbiamo fare insieme, ognuno con il suo ruolo. Noi ci occupiamo di logistica e di cuore, voi  pure. Ognuno deve contribuire a fare in modo che questa manifestazione voli sempre più in alto. Quando portiamo Rosa a casa in realtà voi facchini state portando il più grande simbolo identitario e il più grande valore di sviluppo  della città e tutti insieme dobbiamo occuparcene ed averne consapevolezza”. Presenti ieri anche l’ideatore di “Gloria” Raffaele Ascenzi, l’assessore Patrizia Notaristefano, i consiglieri Tonnicchi, Di Fusco, la consigliera Lina Delle Monache, la consigliera regionale Alessandra Troncarelli, insieme ad Enrico Panunzi, l’on. Mauro Rotelli con la consigliera Laura Allegrini. La serata, oltre che dal buon cibo con la pro loco di Monteromano, è stata allietata da Enrico Ciapica, con Laura Leo ed alcune delle performer della CASA DEL MUSICAL SCHOOL SEDE ARTIST ACADEMY DI VITERBO: Stefania Cortorillo, Benedetta Moschetti (che presenterà il suo inedito), Maria Sofia Chiti, Giulia Fiorani, Ester Galli e Valentina Paolocci. Stasera si terrà la seconda cena con i facchini con  i “Doctor beat” e l’associazione di promozione sociale Grossi di Capodimonte che proporranno pasta alla matriciana, zuppa di funghi, fagioli con le cotiche. Inoltre, per tutte le sere verranno offerte braciole di maiale, salsicce, pancetta di maiale alla brace, bruschetta, pane, formaggio sardo, fagioli ad insalata, patatine fritte, cocomero, cornetti caldi, acqua minerale, vino bianco e rosso, birra, coca cola, caffè. Ricordiamo che gran parte del ricavato delle cene dei facchini sarà devoluto in beneficienza.

Print Friendly, PDF & Email