Il Castello di Balthus a Montecalvello un luogo senza tempo

MONTECALVELLO – Sabato 30 e Domenica 31 luglio si torna al Castello di Balthus a Montecalvello, piccolo borgo fortificato posto nel cuore della Teverina Viterbese. L’apertura dell’antica dimora privata, di solito chiusa al pubblico, sarà ancora più speciale per la presenza del proprietario il Conte Stash Klossowski de Rola, figlio del pittore Balthus, che accoglierà i visitatori e li accompagnerà durante il percorso insieme a me.

L’atmosfera di cui noi potremo godere dal Castello di Montecalvello, è la stessa che ha ispirato pittori e registi. Tra le silenziose vallate della Teverina, lontano dallo scorrere del tempo e dalla modernità, ci sono luoghi e paesaggi d’artista, tanto magici quanto dimenticati, il Castello di Montecalvello è uno dei luoghi senza tempo.

Il percorso inizierà dal suggestivo cortile interno, tanto amato dal cinema per il suo fascino intatto, e si svolgerà tra le fresche e arieggiate stanze del piano nobile, tutte affrescate con temi e simboli molto particolari. Si salirà nel piano mezzanino per ammirare lo studio dove Balthus realizzò molti disegni e dove si trovano ancora i suoi colori.

Il castello, varcata la porta d’accesso, appare un luogo in cui gli elementi della “modernità” non hanno mai avuto accesso, e dove si può avere la visione quasi perfetta di un villaggio del XV secolo pervenutoci praticamente intatto.

L’insediamento fortificato di Montecalvello con il suo castello fu la dimora del pittore franco-polacco Balthasar Klossowski de Rola, celebre con il nome di Balthus. Nel 1970 il castello fu acquistato dall’artista la cui famiglia ne è tuttora proprietaria. Balthus restaurò con amore la struttura e sperimentò tecniche originali nel recupero degli intonaci, tecnica già provata con successo a Villa Medici a Roma sede dell’Accademia di Francia, di cui curò il restauro negli anni ’60 per incarico del Ministro della Cultura Francese.

Balthus fu uno tra i più originali ed enigmatici maestri del Novecento, il primo pittore che ancora in vita ebbe il privilegio di vedere esposte una sua opera al Louvre. Ancora oggi nell’ultimo piano del Castello, in “soffitta” ci sono i colori, le terre, i pennelli, il gesso e la caseina che miscelava per i suoi quadri ottenendo.

Il borgo – castello di Montecalvello per il suo grande fascino è stato utilizzato molte volte come set cinematografico, ad esempio, nel 2010 nella serie televisiva per la Rai Preferisco il Paradiso dedicata alla vita di San Filippo Neri, nel 2015 per il film di Matteo Garrone Il racconto dei racconti, più recentemente nel 2019 per Netflix Luna Nera, nel 2020 la serie televisiva targata Rai dedicata a Leonardo da Vinci.

INFORMAZIONI E DETTAGLI: tel. 333 4912669, Anna Rita Properzi Guida Turistica e Ambientale Escursionistica Iscritta al Registro Italiano Aigae con Assicurazione Professionale RC attiva.

PRENOTAZIONE NECESSARIA: da effettuarsi tramite il sito www.annaritaproperzi.it

nel link https://annaritaproperzi.it/prenota-la-passeggiata/

anche tramite whatsapp scrivendo al numero 333 4912669 oppure tramite mail annaritaproperzi@gmail.com

Le visite si effettueranno con un numero minimo di 10 persone

APPUNTAMENTI: sabato 30 solo pomeriggio e domenica 31 luglio sia mattina che pomeriggio

– Mattina ore 10 durata della visita circa 2 ore ; Pomeriggio ore 16.30 durata della visita circa 2 ore

Parcheggi disponibili davanti al Castello e lungo la strada. Incontro davanti all’ingresso del Castello. Al momento della prenotazione verrà fornita posizione Google del luogo.

COSTO: 20€ (che include ingresso al castello e visita guidata molto accurata)

Print Friendly, PDF & Email