Il mercato coperto di “Tuscia in Bio” raddoppia: dal 30 marzo oltre al mercoledì anche il sabato

VITERBO – La novità era nell’aria da tempo ma finalmente è arrivata la conferma: il Mercato coperto di Tuscia in Bio, presso la Pensilina-Ufficio turistico (di fronte al parcheggio del Sacrario, in piazza Martiri d’Ungheria), a partire dal 30 marzo oltre al mercoledì pomeriggio sarà aperto anche il sabato mattina dalle ore 8,30 alle 13,00.

La formula è quella ormai consolidata da tempo: degustazione e vendita di prodotti di agricoltura biologica e naturale del territorio tra cui ortofrutta di stagione, pane, dolci, salumi, olio, vino, formaggi, miele, confetture, vini. Non mancheranno, come di consueto, i laboratori del gusto e gli incontri di approfondimento.

Per l’occasione ci sarà un’ospite d’eccezione: direttamente dalla Calabria l’Arancia Belladonna di San Giuseppe,  frutto a rischio estinzione che ha la peculiarità di essere una cultivar tardiva, il cui periodo di maturazione ricade tra i mesi di marzo e maggio.  Il territorio di coltivazione di queste arance si trova nella provincia di Reggio Calabria, nel fondovalle delle fiumare del Gallico e del Catona e, dalla fascia pre-montana dell’Aspromonte, arriva fino allo Stretto di Messina. I frutti sono di dimensione media e hanno forma ovoidale e buccia sottile. La polpa è bionda, molto ricca di succo, con pochissimi semi. Le Arance Belladonna sono ottime mangiate fresche, ma possono anche essere trasformate in marmellate, scorzette candite. A causa del quasi abbandono della produzione e commercializzazione l’Arancia Belladonna di San Giuseppe è stata riconosciuta dal 2022 Presidio Slow Food e l’Associazione dei produttori che si è costituita per l’occasione lavora affinché la sua qualità torni a essere apprezzata anche in altre parti d’Italia, invitando gli agricoltori del luogo a riprenderne la coltivazione.

Tuscia in Bio è una iniziativa promossa da Cooperazione Contadina, Mercato della Terra di Viterbo e Tuscia, Slow Food Viterbo e Tuscia, Aucs e Arci Viterbo con il patrocinio del Comune di Viterbo.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE