Il sindaco di Torpè ringrazia i cittadini di Bagnoregio per il supporto ricevuto dopo l’alluvione di novembre

“Abbiamo ricevuto, con grande piacere, una lettera di ringraziamento da parte del sindaco di Torpè, comune in provincia di Nuoro, colpito dalla devastante alluvione dello scorso novembre. Il primo cittadino del piccolo Comune sardo, Antonella Dalu, ci foto1ha tenuto a esprime la profonda gratitudine, all’amministrazione comunale di Bagnoregio e alla Protezione civile locale, per il supporto e l’aiuto rivolti alla popolazione in difficoltà. Mi fa piacere che i cittadini bagnoresi, ancora una volta, si siano distinti per generosità e solidarietà”. Ad affermarlo, in una nota, il sindaco di Bagnoregio Francesco Bigiotti.

 

Nei giorni immediatamente successivi al grande nubifragio che ha colpito la Gallura, provocando la morte di 16 persone, è stata organizzata una raccolta di generi di prima necessità per supportare, in maniera concreta, la popolazione messa in ginocchio dall’alluvione. “Ad oggi – commenta il responsabile dell’ A.e.o.p.c. Italia protezione civile di Bagnoregio, Vincenzo Majocchi – i risultati sono sorprendenti: sono stati contati 14 scatoloni di alimenti e 20 di abbigliamento. Tutta la comunità bagnorese ha partecipato, attivamente, alla raccolta solidale a favore di tutte quelle famiglie che, in pochi istanti, hanno visto distruggere sotto i propri occhi, i sacrifici di una vita”.

Nel mese di gennaio la sezione della Protezione civile di Bagnoregio, insieme alla Protezione civile di Tarquinia, trasferirà i beni raccolti dalla popolazione alle province maggiormente colpite dall’alluvione.
“L’amministrazione tutta – conclude il sindaco di Bagnoregio, Francesco Bigiotti – ringrazia i cittadini per la sensibilità dimostrata; l’alto coinvolgimento morale ha permesso di raggiungere dei risultati straordinari che, indubbiamente, saranno di grande aiuto alle persone in difficoltà. In determinate situazioni è necessario parlare poco e agire immediatamente: con aiuti reali, pratici”.

   

Leave a Reply