Il Teatro Boni sta con le donne, riflettori puntati su “Barbablù”

Sabato 23 novembre il Teatro Boni di Acquapendente ospiterà una serata dedicata alle donne. Alle ore 19.30 l’On.femminicidio Alessandra Terrosi presenterà la proposta di legge sul femminicidio, in discussione in Parlamento; a seguire apericena e alle ore 21.00 lo spettacolo “Barbablù” con la Compagnia teatrale Il Cerchio Invisibile.

 

L’evento si svolge in occasione della giornata internazionale contro il femminicidio in programma lunedì 25 novembre ed è organizzato dall’Associazione Te.Bo. in collaborazione con il Comune di Acquapendente e l’Auser. Partendo dalla famosa fiaba Barbablù di Charles Perrault il regista Sandro Nardi tratta il tema della violenza sulle donne utilizzando un testo classico rielaborandolo, per renderlo strumento di riflessione su una problematica tanto antica quanto attuale e ancora, purtroppo, ben lungi dall’essere risolta. Barbablù è uno spettacolo dinamico, fresco con risvolti comici e ironici, ma di un’amara drammaticità, che lascerà lo spettatore sì divertito, ma nello stesso tempo anche esterrefatto.

Uno spettacolo dove ognuno, per generazione, formazione o per cultura, troverà la propria profonda lettura per far scoprire ancora una volta il teatro quale importante strumento di formazione e divulgazione culturale e morale. Lo spettacolo ha vinto il Premio Speciale della Giuria e Premio Miglior Scenografia al Festival Nazionale di Teatro Sociale 2013 a San Vincenzo (Li). Sul palco Emilio Celata, Domitilla Ferrari, Dario Guidi, Omar Lombardi, Amanda Mallia, Giulia Micci, Linda Morini, Mirella Soldini; regia Sandro Nardi; produzione La Fa(b)brica delle Donne.

La partecipazione all’apericena e alla commedia è di 15 € per i soci Te.Bo. e 18 € per i non iscritti. L’ingresso per la sola commedia è di 10 € per i soci Te.Bo. e 12 € per i non iscritti. Per ulteriori informazioni o prenotazioni rivolgersi al Centro Visite Comune di Acquapendente numero verde 800/411834 interno 0, www.teatroboni.it, mail info@teatroboni.it, facebook: teatroboni.

   

Leave a Reply