In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa, grande affluenza anche per la terza tappa sui sentieri da Vitorchiano a Viterbo

vie esilioGrande partecipazione anche per la terza tappa dell’iniziativa “In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa”. Circa centocinquanta partecipanti, infatti, sono partiti ieri di buon ora, per partecipare ad un’iniziativa naturalistica religiosa, giunta ormai alla sua nona edizione, che ha lo scopo di rievocare l’esilio subito da Santa Rosa da Viterbo agli inizi del mese di dicembre 1250, quando fu costretta, su richiesta di un “gruppo di eretici”, ad uscire dalla sua città per recarsi prima a Soriano nel Cimino e poi a Vitorchiano.

E proprio a Vitorchiano, secondo le fonti storiche, la Santa patrona di Viterbo guarì la cieca Delicata e sfidò un’eretica con la prova del fuoco. Molto apprezzato prima della partenza il messaggio inviato da padre Agostino Mallucci, parroco nella Basilica di San Francesco a Viterbo: “Siete alla vostra terza tappa. La storia della piccola Rosa continua a vivere in voi e con voi. Complimenti a tutti i partecipanti! Forse il messaggio di simpatia giovanile della piccola Rosa potrà divenire seme di poesia, gioia di vivere, amore vicendevole, sincero, disinteressato, nonostante fatica e sudore. Per questo, francescanamente, vi benedico tutti e con affetto”.

Tutti i partecipanti, con grande spirito di solidarietà e fratellanza, si sono incamminati lungo la via Gramignana fino a percorrere le strade Piscine e Costa Volpara, verso il Parco dell’Arcionello, per riscendere dalle pendici della Palanzana.

Molto apprezzati gli interventi di Carlo Maria Scipio, Silvio Cappelli e Antonello Ricci assai graditi, durante le soste, lungo il percorso, da tutti i camminatori.

Significativa la sosta presso la stazione di Vitorchiano che, in collaborazione con la Proloco, ha consentito di ricordare il centenario del completamento della ferrovia Roma – Civitacstellana – Viterbo avvenuto il 9 ottobre 1913. Molto importante la presenza dei “Cavalieri del Soccorso Città di Viterbo” presieduti da Enrico Corsini e coordinati da Paolo Matteucci.

Ad accompagnare il gruppo nella terza tappa, tra gli altri, Franco Brenci, Mario Latilla, Simonetta Fabrizi, Anna e Angelo Taddei e Sergio Giacomelli.

“Un ringraziamento particolare – sottolinea l’organizzatore Silvio Cappelli – va alla Proloco di Vitorchiano e a tutti quelli che ci hanno aiutato per la buona riuscita dell’iniziativa e un particolare grazie va, soprattutto, a tutti i partecipanti, camminatori e non camminatori, che ci hanno permesso, con la loro presenza, di poter realizzare con successo questa nona edizione dell’iniziativa “In cammino sulle vie dell’esilio di Santa Rosa”.

   

Leave a Reply