In piazza del Comune la protesta della scuola CPIA di Viterbo: lezioni al gelo sfratto della Provincia (VIDEO)

di REDAZIONE-

VITERBO- Sono scesi in piazza del Comune, questa mattina, per protestare gli studenti e insegnanti della scuola Giuseppe Foti, centro provinciale per l’istruzione degli adulti (CPIA) in piazza Mario Fani a Viterbo,  insieme ai sindacati Uil  con Silvia Somigli e Brunella Marconi , segretario provinciale dello Snals Viterbo. Il gruppo di studenti, composto principalmente da migranti di diverse etnie, contro le difficili condizioni in cui sono costretti a svolgere le lezioni e contro lo sfratto comunicato dalla Provincia.

Il Cpia, equivalente alle ex scuole serali, è un istituto di formazione comparabile alle scuole medie. I problemi denunciati dagli studenti sono principalmente legati a una caldaia guasta, che costringe gli studenti a seguire le lezioni in aule gelide, indossando guanti e cappotti e utilizzando stufette elettriche per scaldarsi. Inoltre, la Provincia ha comunicato uno sfratto, aggiungendo ulteriori difficoltà alla situazione.

Gli studenti, insieme ai loro insegnanti, hanno deciso di esprimere la loro insoddisfazione manifestando e chiedendo soluzioni concrete. Il Cpia è di proprietà provinciale, ma la responsabilità della gestione della scuola ricade sul Comune di Viterbo. L’amministrazione comunale è chiamata a risolvere la situazione, garantendo condizioni adeguate per gli studenti.

L’assessore Alfonso Antoniozzi e la consigliera delegata ai rapporti con le scuole Rosanna Giliberto hanno dichiarato che è stata individuata una soluzione temporanea per garantire la prosecuzione delle attività fino alla fine dell’anno scolastico in corso, ma la questione dello sfratto richiede ancora un intervento da parte del Comune. Gli studenti, preoccupati per il futuro delle lezioni e della segreteria didattica, hanno ricevuto rassicurazioni dall’assessore Antoniozzi, il quale ha affermato che la giunta Frontini è al lavoro per trovare una soluzione soddisfacente.

Foto e video di MARIELLA ZADRO

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE