In viaggio per l’ambiente, il truck di Juppiter atteso a Tarquinia

TARQUINIA (Viterbo) –  Nuova sosta del maxi camion trasparente per educare all’ecologia,nell’ambito del progetto “SOStenibile- La crisi è l’occasione”.  “Le cose preziose e fragili meritano mani speciali” cantano i Depeche Mode. Difficile trovare mani più speciali di quelle dei giovani, cui è affidato il futuro del pianeta Terra. Devono essere loro i più consapevoli delle buone pratiche di rispetto dell’ambiente, con le istituzioni ad aiutare il processo e a promuovere percorsi virtuosi.

Da questa consapevolezza muove “SOStenibile – La crisi è l’occasione”, il progetto dell’associazione Juppiter realizzato in collaborazione con il Comune di Montalto di Castro e realizzato grazie a Enel. Tra le tante iniziative, la più scenografica è il truck dalle pareti trasparenti, un grande camion-incubatore di eventi in viaggio tra Tuscia e Maremma per incontrare i ragazzi delle scuole. Ha già macinato parecchi chilometri: è in tour dal 4 aprile. Tappe: Pescia Romana, Tuscania, Montalto di Castro, Capalbio e adesso Tarquinia, penultima sosta di un itinerario all’insegna dell’ecologia.

“Siamo a Tarquinia, è il quinto giorno della carovana della sostenibilità è veramente un crescendo di incontri con i ragazzi. – sottolinea, Salvatore Regoli, presidente di Associazione Juppiter -. Centinaia di alunni delle scuole del territorio si sono alternati negli eventi e nei momenti di confronto. Poi il pomeriggio questo spettacolo al quale partecipano giovani artisti; ci sono le istituzioni, si sono messaggi importanti. È veramente bello questo popolo ambientalista che cammina insieme”.

Il truck a vetri raggiungerà la cittadina tirrenica venerdì 8 aprile, fermando a piazza Giacomo Matteotti. Dalle 9 in poi saliranno sul truck i ragazzi dell’IISS Vincenzo Cardarelli, quaranta minuti a classe per un viaggio nel tempo: cosa sarà della Terra tra 30, 50 e 70 anni, se non le presteremo la giusta attenzione? Le immagini video ad alta risoluzione, proiettate sul maxi camion, parleranno da sole. Gli alunni saranno coinvolti in quiz e sfide tra loro, per testarne le conoscenze in materia di lotta al cambiamento climatico, inquinamento, risparmio dell’acqua. Il tentativo sarà rendere l’educazione ambientale un gioco, perché quello che appassiona ha più probabilità di restare scolpito nella memoria e nei comportamenti.

“Siamo orgogliosi di ospitare la tappa di questo viaggio speciale – evidenzia Luigi Serafini, vicesindaco del Comune di Tarquinia -. Quello della sostenibilità, della difesa dell’ambiente e soprattutto del coinvolgimento dei ragazzi è un tema a cui teniamo molto. Ci fa estremamente piacere che siano coinvolte le scuole del territorio in questa interazione di obiettivi, che altrettanto coinvolge le istituzioni e il mondo dell’associazionismo. Saremo presenti con spirito positivo, perché crediamo fortemente in questa iniziativa e nei suoi valori”.

Nel pomeriggio, appuntamento col dibattito con le istituzioni. Al mini talkshow – che chiunque potrà seguire, grazie alla diretta Facebook e alla diffusione audio all’esterno del truck e alle pareti di vetro – prenderanno parte, tra gli altri, il vice sindaco di Tarquinia, Luigi Serafini, l’assessore alle politiche sociali del Comune di Tarquinia, Alberto Righetti, il vicesindaco di Montalto di Castro, Luca Benni, e la preside dell’IISS Cardarelli Laura Piroli.

Come in tutte le tappe del viaggio, il dibattito vedrà tra i suoi contenuti iniziali il saluto di Ermete Realacci, Presidente di Symbola e sarà costellato di performance musicali, coreografiche e artistiche ad alternare i momenti di riflessione sulla tutela dell’ecosistema naturale.

“Enel – ricorda, Fabio Marcenaro, responsabile assets Centro Nord Power Plant OCGT & Islands Enel Produzione – ha da anni l’obiettivo di gestire le proprie attività in un’ottica improntata alla sostenibilità e alla tutela ambientale. In particolare in questo territorio supporta la istituzioni locali per lo sviluppo di iniziative sostenibili”.

Gran finale del viaggio per l’educazione ambientale sabato 9 aprile a Canino: il truck a vetri approderà in piazza Bonaparte, ultima tappa dell’itinerario.

Print Friendly, PDF & Email