Incontro per la prima carta della qualità dei servizi per le ferrovie ex concesse Roma Lido, Roma Nord, Roma Giardinetti con la direzione regionale e la società Atac spa

La riunione ha per tema la nuova Carta della Qualità dei Servizi per le tre ferrovie regionali gestite
da ATAC.
E’ stata convocata dapprima per il 1 febbraio, su un tavolo unico con le Associazioni di tutela e difesa
dei consumatori, firmatarie di uno specifico Protocollo di consultazione con la Regione Lazio, ed i
Comitati di scopo. Il tavolo è stato poi riconvocato in riunioni separate per pressioni arrivate alla
Regione da alcune delle associazioni invitate, che hanno preteso, pena la loro non partecipazione,
convocazioni separate: una con le associazioni e uno con i comitati.
All’inizio della discussione i Comitati della TRIPLICE Intesa fanno presente di essere interessati solo
al risultato finale del lavoro, cioè una prima e ben fatta Carta dei servizi, senza intenzioni di creare
inutili discussioni per la difesa di singol
Viene sottoposta ai presenti la bozza di carta dei servizi ATAC del 2018, che va attualizzata all’anno
in corso, ben sapendo che ATAC ha pubblicato da qualche settimana una analoga carta valida solo
per bus e metropolitane di Roma.
ATAC precisa che la carta oggetto della riunione è un ribaltamento di quella appena pubblicata e
che è stata data anche alla Regione per far partire le consultazioni tra associazioni, comitati e
Regione per la sua approvazione. Si è in ritardo, ma sicuramente la Carta deve essere sfidante nei
temi e nella percezione della qualità erogata e misurata tramite questa carta 2019.
I temi sfidanti sono il meccanismo della “conciliazione” e il “monitoraggio”.
Sempre ATAC ricorda che mentre in Regione Lazio l’interlocutore per questi temi è l’assessorato alla mobilità e trasporti, al Comune di Roma è l’Assessorato allo sviluppo economico che ha il compito
e l’onere di fare TUTTE le carte di qualità dei servizi pubblici erogati. Questo porta dei rallentamenti nelle formalizzazioni di procedure e di fasi condivise.
L’obiettivo sfidante della Regione è pubblicare la nuova carta entro marzo 2019, ma i referenti della TRIPLICE chiedono se sia realizzabile, visti i tempi contingentati e le scadenze a breve dovute al rispetto del Contratto di servizio (15 giugno 2019). I temi sfidanti della conciliazione e del
monitoraggio potrebbero allungare i tempi di rilascio della Carta, soprattutto verso le associazioni.
La TRIPLICE non è coinvolta direttamente nel processo e vuole accorciare i tempi proprio per dare
ai pendolari delle ferrovie coinvolte la prima Carta dei servizi per le nostre tre ferrovie, che manca
da ben 6 anni nella versione ridotta e mischiata con quella del TPL di Roma.
Una Carta per la Roma Lido, Roma Nord e Roma Giardinetti , che fissi i metri e i centimetri che i
servizi devono avere, che permetta di misurare a tutti (pendolari e passeggeri) qualità e quantità
dei servizi promessi da ATAC e per i quali riceve 85 milioni di euro all’anno dalla Regione e circa 38
da biglietti e abbonamenti. Dopo 4 anni di proposte da parte della TRIPLICE, sarebbe anche ora,
dopo anni di “nulla”.
Per i Comitati, gli aspetti importanti sono quelli relativi alle percezioni del pendolare che
quotidianamente viaggia e che vuole che il sistema funzioni e per questo il tavolo serve proprio per capire COSA ci deve essere dentro una carta della qualità dei servizi e COME deve essere
regolamentata.
L’obiettivo che persegue ATAC è di dare qualcosa in più, oltre il mero rispetto del contratto di
servizio, ma con un concordato in atto (che ingessa ATAC e di riflesso il servizio erogato) il percorso è tortuoso, ma possibile. Gli indicatori proposti nella bozza della carta vanno rivisti e aggiornati, anche riprendendo la proposta della TRIPLICE, sottoposta a ATAC a luglio 2016.
Tale carta di deve sostanziare anche per gli investimenti (che deve fare la regione) e che, nel
rispetto della legge vigente, deve contenere delle specificità proprio di contratti di trasporto. Gli
standard di qualità e di quantità sono da normativa e che esistono già sul territorio italiano delle
carte di servizio analoghe per prestazioni e che potrebbero essere prese come spunto per questa
nuova carta di ATAC. Nella carta dei servizi proposta dalla TRIPLICE a suo tempo si faceva riferimento anche alle “serie storiche” per permettere obiettivi sfidanti ma realistici ed effettivi. Non si possono mettere obiettivi che sulla carta sarebbero raggiungibili (es. 95% sull’indicatore della regolarità in partenza dei treni) senza spiegare i concetti di regolarità e puntualità, con le sostanziali differenze e senza avere uno “storico” sul quale far partire la serie storica che sarà il riferimento per i rilevamenti successivi dell’indicatore.
Interviene O.R.T. per ricordare che la carta dei servizi nasce a valle di un contratto di servizio che
dovrebbe contenere degli obiettivi di crescita e recupero e che è importante avere la serie storica
per focalizzare i miglioramenti anno per anno.
Questo anche per evitare al gestore di incorrere in multe sulle quali non ha colpa proprio per le
carenze infrastrutturali in carico alla regione (es. ascensori e scale mobili non funzionanti e da
sostituire).
ATAC chiede di capire se i tavoli sono due (associazioni da una parte, comitati dall’altra) o uno
congiunto, poiché la Carta dei servizi sarà una soltanto. Ferme restando le richieste specifiche da
parte delle associazioni e quelle dei comitati, la proposta ragionevole avanzata dalla TRIPLICE e ORT, condivisa da ATAC, è quello di mettere a fattor comune le richieste e le esigenze per poi valutare le specifiche, in modo da non duplicare inutilmente gli sforzi, visti i tempi richiesti.
La TRIPLICE ribadisce che non intende “lavorare a vuoto” visto che i pendolari sono ANCHE
consumatori e quindi chiede di capire come lavorare in maniera sinergica e “convergente” con le
associazioni dei consumatori, senza duplicazioni. Non si ha il tempo e la voglia di fare lavoro inutile.
La TRIPLICE infine di comprendere i “razionali” che sono alla base degli indicatori proposti sulla bozza di carta in visione durante la riunione, poiché sono fondamentali per fare delle proposte sensate.
A questo punto si procede a fare una sintesi degli interventi e la TRIPLICE avanza la richiesta di avere l’ultima versione del documento in bozza della Carta dei servizi 2019 per poterci lavorare e
riproporre le modifiche richieste entro qualche settimana, per poi rivedersi al tavolo per fare la
sintesi, essendo tutti preliminarmente a conoscenza anche le proposte delle associazioni sul tavolo parallelo.

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Borse di studio per l’anno scolastico 2018/2019, online l’avviso pubblicoLEGGI TUTTO
VITERBO – Erogazione fondo unico per borse di studio in favore degli studenti della scuola secondaria di secondo grado, statale
“Speranze nuove per il futuro dei giovani”, al via l’anno accademico all’Università Europea di RomaLEGGI TUTTO
ROMA – “Vorremmo far fiorire speranze nella vita di tanti giovani. Aiutarli a intrecciare giuste relazioni, imparare a dialogare e
Casting per il nuovo film di Giovanni Maderna, Mancini: “Bene il coinvolgimento della nostra città”LEGGI TUTTO
VITERBO – “Si cerca a Viterbo il giovane protagonista per il nuovo film di Giovanni Maderna. Mi fa molto piacere
A Cellere è il giorno dell’addio ad Andrea Paoletti, il 22enne deceduto in un incidente stradaleLEGGI TUTTO
di MARINA CIANFARINI – CELLERE ( Viterbo) – Il chiarore di una timida alba ha sfiorato per l’ultima volta il
A Vitorchiano riprende la raccolta a domicilio degli sfalci d’erbaLEGGI TUTTO
VITORCHIANO ( Viterbo) – Anche per l’anno 2019 il Comune di Vitorchiano ha attivato il servizio di raccolta del verde
Meteo, le previsioni per domani 20 febbraioLEGGI TUTTO
VITERBO – Nuvolosità diffusa al mattino, ma con tempo stabile; nubi irregolari in transito nel corso delle ore pomeridiane. Cieli
“M’illumino di meno”, i Ridillo in concerto al buio al Teatro Boni. Sabato 23 febbraioLEGGI TUTTO
ACQUAPENDENTE ( Viterbo) – Anche quest’anno il Teatro Boni di Acquapendente conferma il suo appuntamento con “M’illumino di meno”, la
A Carbognano una pubblica illuminazione nuova, efficiente e sostenibileLEGGI TUTTO
CARBOGNANO ( Viterbo) – Verranno riqualificati 452 corpi illuminanti (su un totale di 468) con tecnologia a led, di cui
Viterbo, al via il 2° Torneo di baseball indoor “Claudio Vaglio”LEGGI TUTTO
VITERBO – Domenica 17 febbraio è iniziato il 2° Torneo di baseball indoor dedicato alla memoria dello scomparso giocatore e
Al via la ristrutturazione del padiglione dei loculi del cimitero di VetrallaLEGGI TUTTO
VETRALLA ( Viterbo) – Come preventivato nel programma lavori pubblici, sono in corso i lavori di rifacimento tetto loculi di