“Inflazione inarrestabile: famiglie viterbesi perdono oltre 4.500 euro in due anni

di REDAZIONE-

VITERBO- Una recente indagine condotta dall’ufficio studi della Cgia di Mestre ha rivelato che ogni famiglia viterbese ha perso in media 4.596 euro nel biennio 2022-2023 a causa dell’inflazione, segnalando un significativo calo del potere d’acquisto. Questo studio mette in luce le pesanti ripercussioni dell’inflazione su scala nazionale.

L’analisi si concentra sull’impatto simile a una patrimoniale del carovita e rivela che la maggior parte delle famiglie italiane ha subito effetti negativi a causa dell’incremento dei prezzi, che è stato del 14,2% nel periodo considerato. A livello nazionale, la decurtazione media dei risparmi è stata di 6.257 euro, con picchi più elevati in regioni come Trentino Alto Adige, Lombardia e Veneto.

A livello provinciale, Viterbo si trova al 91° posto nella classifica nazionale delle province italiane, con perdite complessive di potere d’acquisto stimate in 656 milioni di euro su depositi bancari totali di 4.846 milioni di euro al 31 dicembre 2021. Le perdite più significative si sono verificate a Bolzano, Milano e Trento.

L’analisi approfondisce anche il costo delle imposte patrimoniali per gli italiani, evidenziando come, nonostante l’abolizione dell’Imu sull’abitazione principale nel 2013, le tasse patrimoniali continuino a garantire entrate significative per lo stato, con un impatto raddoppiato rispetto al 1990, ammontando a quasi 50 miliardi di euro all’anno.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE