Insieme per educare alla legalità: gli studenti del Di Vittorio incontrano il sostituto commissario della Polizia di Stato

Continuano all’Istituto Superiore “Giuseppe Di Vittorio”, con la collaborazione delle Forze di Polizia, le iniziative di Educazione alla cittadinanza e alla legalità. “Ringraziamo il Sostituto Commissario Gianluca Di Pietrantonio e l’Avvocato Emanuela Greco che oggi hanno spiegato ai nostri studenti la funzione e il significato profondo delle regole alla base della convivenza civile. – ha affermato la Prof.ssa Rosa Torino, Referente per le attività di Educazione Civica all’Istituto Superiore “Giuseppe Di Vittorio” – Siamo convinti che lo strumento migliore per contrastare i crescenti episodi di devianza che caratterizzano la nostra società sia la prevenzione, ed è nostro dovere mettere in campo ogni possibile iniziativa per favorire la conoscenza, l’acquisizione e l’interiorizzazione di un’autentica cultura della legalità”.
Criminologo investigativo e forense, analista comportamentale specializzato in psicologia giuridica, investigatore della Polizia di Stato, Gianluca Di Pietrantonio, a partire dai più recenti casi di attualità, ha spiegato agli studenti i caratteri, le possibili motivazioni e le conseguenze dei comportamenti devianti, soffermandosi anche sulla violenza di genere. Diritti, regole, valori condivisi, consapevolezza dei propri doveri: sono stati questi i temi trattati dal Sostituto Commissario e dall’Avvocato Emanuela Greco e posti al centro della giornata di formazione che ha visto coinvolti gli studenti della Classi Quinte. “Siamo convinti che solo un’azione educativa che veda la collaborazione e la sinergia fra diversi soggetti possa risultare davvero efficace. – ha aggiunto la Prof.ssa Torino – Dobbiamo puntare a far comprendere ai nostri allievi il valore positivo delle regole come precondizione per l’esercizio di una libertà che deve trovare i suoi limiti nel rispetto della dignità dell’altro. Solo in questo modo capiremo che la legalità non è un’imposizione ma un’opportunità in più per dare senso al nostro futuro”.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE