Istat, lavoro: crescono gli occupati nel I trimestre 2022

Secondi i dati Istat, nel primo trimestre 2022 si sono registrati 120 mila occupati in più rispetto al quarto trimestre 2021 (+0,5%) e 905 mila in più (+4,1%) rispetto all’anno precedente.

L’incremento riguarda sia i dipendenti, a tempo indeterminato (+369 mila, +2,6%) e soprattutto a termine (+412 mila, +16,3%), sia gli indipendenti (+124 mila, +2,6%) “dopo un calo ininterrotto per nove trimestri consecutivi e la stabilità dello scorso trimestre”. In forte calo il numero di disoccupati (-415 mila in un anno, -16%) e quello degli inattivi tra i 15 e i 64 anni (-846 mila, -6,1% in un anno). Il tasso di disoccupazione cala all’8,6%.

Il tasso di occupazione 15-64 anni arriva al 59,7% (+3 sull’anno, +0,4 sul trimestre) e il tasso di inattività scende al 34,7% (-2 sull’anno, -0,1 sul trimestre).

Rispetto al quarto trimestre 2021, aumentano soprattutto i dipendenti a termine di 72 mila unità (+2,4% in tre mesi), quelli a tempo indeterminato salgono di 33 mila unità (+0,2%) e gli indipendenti di 15 mila (0,3). Il numero di disoccupati diminuisce (-114 mila, -5,0% in tre mesi), così come quello degli inattivi di 15-64 anni (-66 mila, -0,5%).

Il tasso dei posti vacanti registra un “lieve calo” nel primo trimestre 2022, fino all’1,9% (-0,2 punti percentuali). L’Istat segnala che questo dato “si mantiene su livelli tra i più elevati dall’inizio del periodo di osservazione” e rispetto all’anno precedente mostra una ripresa “ancora particolarmente marcata” di 0,8 punti percentuali.

Print Friendly, PDF & Email