Italia Nostra Lazio su decisione Tar di adire Corte Giustizia UE: “Grande risultato per la nostra battaglia contro trasversale Orte-Civitavecchia”

Così Italia Nostra Lazio commenta la decisione del Tar del Lazio che ha sospeso, formulando specifici quesiti alla Corte di Giustizia della Unione Europea, il procedimento sul ricorso avanzato dalle associazioni ambientaliste riguardo la trasversale Orte-Civitavecchia.

I giudici amministrativi hanno così rimesso la questione all’Europa sospendendo “il giudizio – si legge nel provvedimento – fino alla notificazione a questo TAR, da parte della Cancelleria della Corte di Giustizia dell’Unione Europea, della decisione emessa dalla suddetta Corte”.

Con il ricorso le associazioni ambientaliste chiedono l’annullamento della delibera del Consiglio dei Ministri del 1.12.2017 con la quale veniva adottato “il provvedimento di compatibilità ambientale del progetto preliminare, tracciato verde, della strada statale n. 675 “Umbro Laziale”, asse Orte-Civitavecchia, tratta Monte Romano est – SS 1 Aurelia”.

“La nostra associazione – commenta Marzia Marzoli di Italia Nostra Sezione Etruria – è stata protagonista in tutti i passaggi di questa vicenda. E’ un grande risultato perché conferma che il provvedimento adottato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri era in contrasto con le direttive Habitat ed Uccelli. Questa ordinanza conferma che avevamo ragione e che un’area di pregio, già vincolata come Zps, va tutelata. La decisione – prosegue l’esponente di Italia Nostra – riveste una enorme importanza poiché farà giurisprudenza per diversi casi analoghi in tutta Europa. Ricordiamo che il cosiddetto “tracciato verde” che attraversa la Valle del Mignone per 14,4 chilometro passerebbe in una Zona a Protezione Speciale (ZPS) e disterebbe dai 100 metri a 1 chilometro da un Sito di Interesse Comunitario (SIC), che è il corso stesso del fiume Mignone, entrambi siti tutelati da Natura 2000, una rete europea istituita per la conservazione della biodiversità”.

Sono sette i quesiti formulati dal Tar del Lazio alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea.

I quesiti sono i seguenti:

“1) Dica la Corte di Giustizia UE se l’art. 6 della Direttiva 1992/43/CEE, unitamente alla direttiva 2009/47/CE ove applicabile alla fattispecie, ostano a una normativa interna primaria, e alla sua correlata normativa secondaria di attuazione, come sopra riportate, che consente all’organo di “ultima istanza”, competente ad adottare il provvedimento di compatibilità ambientale del progetto preliminare di un’opera in caso di motivato dissenso del Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di provvedere all’approvazione, e quindi assentendo alla prosecuzione del procedimento, invocando la sussistenza di un rilevante interesse pubblico, pur in presenza di affermazione da parte dell’organo statale preposto alla tutela ambientale dell’insussistenza della possibilità di elaborare eventuali prescrizioni e misure di mitigazione per la variante progettuale in approvazione, per la quale era stato espresso già parere negativo di VIA”;

“2) Dica la Corte se le suddette direttive ostano a una soluzione come quella adottata che, al fine di approvare il progetto preliminare di un’opera sottoposta a procedimento di VIA, veda ritenere prevalente su quello ambientale il richiamato “rilevante interesse pubblico”, se ancorato esclusivamente alla maggior economicità dell’opera, alla sua conformità alla tutela anche paesaggistica, storica, culturale e socio-economica e alla necessità di completare una rete stradale transeuropea, nel caso di specie quella TEN-I definita “Comprehensive”, come da Regolamento (UE) n. 1315/2013 del Parlamento Europeo e del Consiglio dell’11 dicembre 2013, pur in presenza di una soluzione alternativa esistente e già approvata sotto il profilo ambientale;

3) “Dica la Corte se è compatibile con le su richiamate normative comunitarie una soluzione come quella adottata che ha ritenuto praticabile rimandare alla sede del progetto definitivo ulteriori approfondimenti e studi sulla rilevanza ambientale del tracciato stradale non approvato in sede di VIA – tra cui la VINCA – invece di rimandare al proponente ulteriori approfondimenti e studi per mitigare gli impatti economici e paesaggistici sul tracciato alternativo invece già approvato sotto il profilo ambientale;”

“4) Dica la Corte se, in presenza di tali presupposti e in caso di soluzione affermativa sulla compatibilità eurounitaria della prima, seconda e terza questione, le suddette direttive ostano a una soluzione come quella adottata, che non ritiene vincolante in senso negativo il parere di incompatibilità ambientale pronunciato dall’organo competente nel corso del procedimento di approvazione del progetto preliminare di un’opera, demandando al progetto definitivo di svolgere più approfondite valutazioni sull’impatto derivante sulle componenti paesaggistiche e ambientali del territorio, con specifico riferimento alla valutazione di incidenza ambientale ed alla conseguente previsione di adeguate misure di compensazione e mitigazione degli impatti”;

“5) Dica la Corte se le suddette direttive ostano a una soluzione come quella adottata ove al soggetto proponente l’intervento è demandato in sede di redazione del progetto definitivo dell’opera di recepire le prescrizioni, osservazioni e raccomandazioni di carattere paesaggistico e ambientale dettate nel corso della conferenza di servizi svolta con riferimento al progetto preliminare, pur se in riferimento a questo l’organo preposto alla tutela ambientale ha rilevato l’insussistenza della possibilità di elaborare eventuali prescrizioni e misure di mitigazione per la variante progettuale in approvazione;”

“6) Dica la Corte se le suddette direttive ostano a una soluzione come quella adottata ove al soggetto proponente è stato altresì demandato di sviluppare lo studio d’incidenza ambientale dell’opera, comprensivo della cosiddetta “valutazione appropriata”, compiutamente redatto secondo le prescrizioni di legge vigenti, sulla cui base effettuare la valutazione d’incidenza in questione”;

“7) Dica la Corte se le suddette direttive ostano a una soluzione come quella adottata, ove è stato individuato un soggetto terzo (la Regione Lazio), diverso da quello ordinariamente preposto (la Commissione VIA-VAS del MATTM), per verificare lo studio d’incidenza ambientale allegato al progetto definitivo dell’opera, anche al fine di individuare le eventuali ulteriori misure di mitigazione e compensazione necessarie per la tutela e la salvaguardia delle componenti ambientali e paesaggistiche del territorio interessato, lasciando alla Commissione VIA-VAS del MATTM, ai sensi e per gli effetti previsti dall’articolo 185, commi 4 e 5, del d. lgs. n. 163/06, solo di esprimere a posteriori il proprio parere sull’ottemperanza del progetto definitivo dell’opera stradale in argomento alle prescrizioni di carattere paesaggistico e ambientale, previa acquisizione della verifica suddetta”.

 

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Volley, il Tuscania nella tana della capolista PiacenzaLEGGI TUTTO
TUSCANIA ( Viterbo) – Trasferta piena zeppa di insidie per la Maury’s Italiana Assicurazioni Tuscania Volley ospite della capolista Gas
Il velista Andrea Miceli alla Scuola Media di Sutri, martedì 19 febbraioLEGGI TUTTO
SUTRI ( Viterbo) – Martedì 19 febbraio, Andrea Miceli, velista e scrittore italiano, incontra gli alunni della Scuola Media di
Latte, il Senatore Francesco Battistoni (FI) alla protesta dei pastori sardiLEGGI TUTTO
ROMA – “Ho voluto esprimere la mia vicinanza ai pastori sardi, che in questi giorni stanno protestando per l’aumento del
Latte, la protesta dei pastori arriva a Piansano. Domenica 17 febbraioLEGGI TUTTO
PIANSANO ( Viterbo) – La protesta dei pastori arriva a Piansano. Il paese della Tuscia, dalla storica vocazione agricola, si
Orte, successo per la cena di Fratelli d’ItaliaLEGGI TUTTO
ORTE ( Viterbo) – Tante persone e grande partecipazione alla Cena Patriota organizzata ieri sera dal circolo Fratelli d’Italia di
Massimo Cacciari a Viterbo per un’ Europa liberale e non liberistaLEGGI TUTTO
di MARIA ANTONIETTA GERMANO – VITERBO – Ieri pomeriggio, 15 febbraio, nella giornata che ha visto Viterbo unita contro il potere
“Crocelle Race Park”, meno di due mesi alla terza edizioneLEGGI TUTTO
Il sodalizio Crocelle Race Team inizia ufficialmente il suo percorso di avvicinamento alla terza edizione della cross country Crocelle Race
“L’Ospedale Belcolle è anche sanità d’eccellenza”LEGGI TUTTO
VITERBO – Riceviamo le parole del lettore Paolo Zappi e pubblichiamo: “Spesso si parla dell’Ospedale di Belcolle a proposito di
Viterbo unita contro la mafia, senza se e senza maLEGGI TUTTO
di MARIA ANTONIETTA GERMANO – VITERBO – Questa è una giornata storica di resilienza per Viterbo che scende in piazza
A Bagnoregio borse di studio di 200 euro per i ragazzi delle scuole secondarieLEGGI TUTTO
BAGNOREGIO ( Viterbo) – Borse di studio per i ragazzi della scuola secondaria. Gli studenti residenti a Bagnoregio, con Isee