L’ ora di “Educazione Emotiva a scuola”

di MARIELLA ZADRO-

VITERBO-  Giovedì 24 novembre, presso la Sala delle Conferenze dell’Amministrazione Provinciale di Viterbo, a partire dalle ore 16.00 si terrà un convegno dal titolo “L’ora di educazione emotiva a scuola”.
L’evento è organizzato da Emotional Training Center, la società di ricerca scientifica della Dott.ssa Rosanna Schiralli che lo scorso anno scolastico, a Viterbo e a Vitorchiano, ha condotto una sperimentazione, la prima al mondo, sugli effetti psicobiologici ed epigenetici in un campione di alunni reclutati in un programma di educazione emotiva in classe.
La ricerca è stata condotta con il contributo dell’Università de L’Aquila (prof. Mauro Bologna, Dipartimento di medicina clinica), dell’Università Federico II di Napoli (prof. Lorenzo Chiariotti, Dipartimento di medicina molecolare), del Centro di Biotecnologie Avanzate (CEINGE) sempre di Napoli, dell’Ateneo S. Raffaele di Milano (prof.ssa Anna Giulia Bottaccioli, Dipartimento di Psicologia) e della Società di Psiconeuroendocrinoimmunologia (prof. Francesco Bottaccioli).

Al convegno, oltre ai docenti universitari che hanno partecipato alla ricerca, saranno presenti la sindaca Chiara Frontini, la senatrice Alessandra Maiorino (che ha contribuito alla stesura della legge sull’introduzione dell’ora di educazione all’intelligenza emotiva a scuola), Ulisse Mariani e i bambini delle due scuole che illustreranno la loro esperienza.

Saranno altresì illustrati i primi straordinari risultati ottenuti; una vera rivoluzione nel campo dell’educazione e della pedagogia. Gli alunni che hanno partecipato al programma di educazione emotiva hanno infatti registrato una drastica riduzione del cortisolo, l’ormone dello stress, attivando in loro meccanismi di tranquillità, benessere diffuso, senso di appartenenza alla scuola, maggiore attenzione e migliori condotte cooperative.

Durante l’evento verrà lanciata la proposta a tutti i dirigenti delle scuole della provincia di aderire alla Rete delle Scuole dell’Empatia, una iniziativa pensata dal team della dott.ssa Schiralli e dai Dirigenti delle scuole Canevari e Pio Fedi, Paolo Fadiganti e Gianna Diana.

La ricerca, lo si ricorda, è stata possibile grazie al contributo di una catena di imprenditori da sempre sensibili ai problemi dei bambini e dei giovani:

Gianvincenzo Clerici un imprenditore marchigiano di San Benedetto del Tronto (Ascoli Piceno);
Prenatal di Viterbo;
Equitan di Chiampo (Vicenza);
DiMar Group di Valentano (Viterbo).

Alla fine del convegno sarà offerto un buffet a tutti i bambini e a tutti i convenuti.

Print Friendly, PDF & Email