“La Bella, la Bestia, la rosa”, la passeggiata/racconto a Capodimonte. Domenica 11 novembre

CAPODIMONTE ( Viterbo) – L’appuntamento è per domenica 11 novembre alle 10 in piazza Umberto I a Capodimonte. “La Bella, la Bestia, la rosa: Capodimonte, giardino perduto” è una passeggiata/racconto ideata organizzata realizzata da Banda del racconto per conto della Rete di imprese “Naturalmente Capodimonte”. La mattinata sarà inaugurata dagli indirizzi di saluto presentati al pubblico da Francesca Ferri e Laura Vagata, imprenditrici di “Naturalmente Capodimonte”. Condurrà Antonello Ricci. Letture e intermezzi a cura di Laura Antonini e Roberto Pecci. Figuranti (tutti capodimontani DOC nei costumi storici realizzati da Viviana Ginebri): Chiara Faina (la Bella), Dario Rossi (la Bestia) e Leonardo Mancini (il giovanissimo “Enrichetto” Gonzalez, “selvaggio gentiluomo”) per la regia di Pietro Benedetti. Le “Pillole” storico-artistiche saranno a cura di Alexandra Bompard. Anche altri i capodimontani – all’anagrafe o adottivi, qui non importa – che hanno voluto generosamente offrire una mano da dietro le quinte: preziosa, per esempio, la consulenza storico-letteraria di Rosella Di Stefano e Georg Wallner. Foto-racconto invece a cura dell’antropologo “bandarolo” Marco D’Aureli.

Non è un caso l’idea di proporre al pubblico delle passeggiate/racconto un’intrigante variazione sul tema in onore di una delle fiabe più celebri e universalmente amate, come è noto suggestivamente a cavallo tra folklore e letteratura, tra fiabistica e immaginario cinematografico. Tale idea gemma infatti da un altro sogno “coltivato” da tempo da “Naturalmente Capodimonte”; progetto che sta or ora muovendo i primi timidi passi del proprio complesso iter amministrativo: sulle tracce dello splendido “giardino perduto” rinascimentale della locale rocca Farnese, il rodologo e paesaggista di fama europea Walter Branchi realizzerà “Rose antiche sul lago, collezione botanica” allestimento permanente che prevede “piantumazione e allestimento di rosai antichi da collezione, in luogo consono, all’interno del centro storico di Capodimonte”.

La partecipazione alla passeggiata/racconto di domenica è gratuita. L’iniziativa, finanziata e patrocinata dalla Regione Lazio, gode anche del patrocinio del Comune di Capodimonte.

Al termine della narrazione itinerante, intorno alle 12.30 artisti e pubblico raggiungeranno le Scuderie Farnese (la Cascina) dove li attende una degustazione gratuita con i produttori locali a vocazione biologica della filiera enogastronomica del lago di Bolsena. Incontri e degustazioni proseguiranno nel pomeriggio (fino alle 19.00) con intrattenimenti musicali e laboratori con gli antichi mestieri.

In caso di pioggia persistente – ma solo in quel caso – l’evento verrà posticipato alla domenica successiva. Stesso luogo e stessa ora.

(La Rete di imprese Naturalmente Capodimonte è un’aggregazione di piccole e medie imprese della filiera turistica, commerciale e dei servizi del Comune di Capodimonte. Naturalmente Capodimonte raggruppa 56 aziende capodimontane che si sono poste obiettivi comuni e collaborano a progetti condivisi. La Rete si pone come un driver di valorizzazione di un intero territorio e, grazie alla forma di cooperazione attiva scelta, è capace di realizzare un’offerta ampia, uniforme e di qualità.)