“La storia non guarda gli uomini”, il libro di Domenico Carella

ROMA – Nella cornice della Sala Margana, splendido spazio culturale nel pieno centro storico, rione Campitelli, venerdì 14 dicembre alle ore 18, sarà possibile assistere alla presentazione del libro di Domenico Carella (a cura di Riccardo Carella) 1918-1940. La storia non guarda gli uomini. Interverranno, oltre al curatore del libro e figlio dell’autore, Riccardo Carella, anche Daniela Brancati, giornalista, e Gabriella Norcia, coordinatrice della collana Fogli di Vita.

Lo scritto narra della vita e dei sentimenti e delle idee di Domenico Carella negli anni che intercorrono dall’inizio della prima guerra mondiale sino allo scoppio della seconda nel 1940.
Tratteggia, nei suoi ricordi, una storia del fascismo tra le due guerre come lui l’ha vissuta, descrivendo uno spaccato di vita autentico di quel periodo.
Attraverso questo suo personalissimo diario psicologico, egli conduce un ‘indagine storica’ dell’Italia e dell’Europa tra il 1923 e il 1939.

Domenico Carella nasce a Palermo nel 1906. A sedici anni si trasferisce a Roma e dopo gli studi classici al Liceo Tasso, si iscrive alla Facoltà di Filosofia, in cui era preside il filosofo Giovanni Gentile.
Con un gruppo di amici nel 1930 fonda una rivista “Il Saggiatore” che viene pubblicata sino al 1934, anno in cui fonda il giornale “Il Cantiere”. Entrambe le pubblicazioni ebbero una rilevanza nel clima culturale dell’epoca, muovendo critiche (che oggi definiremmo “di sinistra”) al regime. “Il Cantiere” avrà vita breve e verrà soppresso dal regime fascista.
Nel 1937 si trasferisce a Palermo gestendo, con il padre, un’agenzia di assicurazioni. Non ha dimenticato mai le sue passioni filosofiche che ha continuato a studiare e ad annotare nei suoi appunti.
Nel 1973 decide di dare alle stampe un suo studio storico-filosofico sull’origine del regime fascista e pubblica «Fascismo prima, Fascismo dopo». Negli anni cinquanta, ha annotato i suoi ricordi e le sue vicende tra gli anni 1920 e 1940 in un diario dedicato a suo figlio, ma che non pubblicherà in vita.
Domenico Carella muore nel 1983.
Questo diario viene casualmente “scoperto” nel 2013 da suo figlio Riccardo che ne curerà la pubblicazione.

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Rush finale per “Filmdipeso”: concorso dedicato ai cortometraggi che abbattono i pregiudiziLEGGI TUTTO
LATINA –  Scade l’8 febbraio, per i registi professionisti e non, il termine per candidare le loro opere al III Short
Marta, i Carabinieri denunciano tre stranieri per gestione e deposito incontrollato di rifiutiLEGGI TUTTO
MARTA (Viterbo) – I Carabinieri della stazione di Marta, avevano già da tempo i sospetti sulla gestione poco chiara dell’ autolavaggio 
Roy cerca casaLEGGI TUTTO
Riceviamo e pubblichiamo: Roy e suo fratello sono stati trovati circa 2 mesi in Abruzzo in un paese dove le
Il senatore Battistoni interviene sul piano cinghialiLEGGI TUTTO
ROMA- Riceviamo dal senatore Francesco Battistoni e pubblichiamo: “”Sono passati 20 giorni dal drammatico incidente sulla A1, causato da un
Viterbo, ruba una borsa: acciuffata dalla PoliziaLEGGI TUTTO
VITERBO – E’ stata individuata in breve tempo,  dagli  uomini della Polizia di Stato della  Sezione  Reati contro il Patrimonio della
Volley F U18 gir. A. Alla Vbc blu il derby con Vip Paolo SaviLEGGI TUTTO
VITERBO- Continua la striscia positiva di vittorie, nove su nove incontri disputati, della Vbc blu nel girone A del campionato provinciale
Domenica 27 gennaio la benedizione degli animali in piazza del Plebiscito, attenzione alla viabilitàLEGGI TUTTO
VITERBO- Torna la benedizione degli animali in piazza del Plebiscito. L’appuntamento, organizzato  dal Centro equestre Cava di Sant’Antonio, in programma domenica
Il 25 gennaio nasce Piazza Grande Futuro ViterboLEGGI TUTTO
VITERBO- “Venerdì prossimo, 25 gennaio, presenteremo la mozione Zingaretti ai giovani della provincia: nasce ufficialmente il comitato Piazza Grande Futuro Viterbo.
Consiglio comunale, la prossima seduta domani 24 gennaioLEGGI TUTTO
VITERBO – Il presidente del consiglio comunale Stefano Evangelista, sentita la conferenza dei capigruppo dello scorso 18 gennaio, comunica che la
Vaccini ed autismo, nessun nesso per la CassazioneLEGGI TUTTO
di REDAZIONE- VITERBO- Vaccini e autismo, niente nessi. La conferma arriva dalla Cassazione, che ha dichiarato inammissibile il ricorso di una