L’addio di Viterbo all’amato regista Giorgio Capitani

VITERBO-

di REDAZIONE – Questa mattina la città di Viterbo ha dato il suo ultimo saluto all’amato regista Giorgio Capitani, morto sabato 25 marzo a 89 anni, presso l’Ospedale Belcolle di Viterbo.

I funerali, svoltosi nella basilica di Santa Rosa, hanno visto la partecipazione di moltissimi viterbesi e di molte autorità della città. La casa dove il regista si era ormai trasferito da tempo con la moglie Simona Tartaglia si trova proprio vicino alla Basilica di Santa Rosa, da dove ammirava ogni anno il passaggio della Macchina di Santa Rosa.

Giorgio Capitani nacque a Parigi il 29 dicembre 1927 e già all’età di 19 anni aveva inziato la sua carriera di regista. Amava molto Viterbo ed era diventato viterbese di adozione, dopo le molte edizioni della fiction del famoso Maresciallo Rocca, che aveva girato nella nostra città, oltre a numerose altre produzioni di successo. Fu nominato cittadino onorario della città di Viterbo.

Ad accogliere il feretro, questa mattina, politici e amministratori locali, dal sindaco di Viterbo Leonardo Michelini all’ex sindaco Giancarlo Gabbianelli. Presente anche il presidente del Sodalizio dei facchini, Massimo Mecarini, che conosceva di persona il regista, avendolo nominato anche ambasciatore del Sodalizio dei Facchini di Santa Rosa.

Ha celebrato il finerale questa mattina padre Antonio: “Giorgio è ora nella casa dell’eternità… Non siamo solo figli del tempo e della terra ma anche dell’eterno. Questo ce lo ricorda pure Santa Rosa a cui Giorgio era molto legato”.

Oggi pomeriggio a Roma, presso la Chiesa degli Artisti, sono previste le celebrazioni alle ore 15. Poi, il suo corpo verrà trasferito al cimitero monumentale del Verano, quartiere San Lorenzo.

Print Friendly, PDF & Email