“Le Giornate del Marocco in Italia, GIMI 2013”

La seconda edizione de “Le Giornate del Marocco in Italia, GIMI 2013” ha avuto il clou dei propri eventi con una serata di Gala che si è tenuta il 15 novembre,africa-free avvalendosi della direzione artistica della Piero Muscari Comunicazione, presso l’Auditorium dell’Ara Pacis Augustae in via di Ripetta, 190. Un momento di dialogo e conoscenza culturale, presentato

dal giornalista Piero Muscari, durante il quale si sono alternati momenti di intrattenimento musicale con talk show e premiazioni di personalità che, attraverso le loro storie di successo, sono state considerate rappresentative della storia di amicizia fra Italia e Marocco. Il clima di genuino scambio culturale è stato accentuato dalle performances di gruppi musicali, provenienti direttamente dal Sud del Marocco, che hanno contribuito a creare un’atmosfera esotica, eco di terre lontane ma con familiari elementi mediterranei, a voler accentuare ancora maggiormente le radici comuni che legano i due Paesi e la straordinaria coesistenza di influenze e culture diverse all’interno del regno alawita: Mohamed Damou ha portato testimonianza della musica Amazigh, espressione più profonda dell’animo berbero; la band Doueh, con il suo rock hassani si è esibita fondendo insieme influenze di Jimi Hendrix con la tradizione orale delle popolazioni del Sahara; Mohamed Briouel e l’Orchestra arabo-andalusa di Fès ha portato nella capitale la voce dell’eredità spirituale d’Oriente e Occidente, depositaria di una antichissima tradizione orale del maghreb. In questa cornice così evocativa si sono perfettamente inseriti momenti di talk show, durante i quali Piero Muscari ha presentato alla platea personalità di spicco della cultura italiana e marocchina, per la cerimonia di premiazione introdotta da S. E. Ambasciatore del Regno del Marocco in Italia Hassan Abouyoub.

Le personalità premiate durante questa seconda seguitissima edizione del GIMI 2013 sono state: Pier Domenico Garrone, esperto in comunicazione, innovatore, professionista Ferpi (Federazione Relazioni Pubbliche Italiana), fondatore del blog Il Comunicatore Italiano, il primo think tank sulla Web Reputation e sul Mediterraneo; Marica Nobile, country manager per l’Africa ed il Medio Oriente presso Confindustria, specialista in Politiche Industriali, Economia della Conoscenza e sviluppo; Paolo Ducci, consigliere d’Ambasciata, Coordinatore delle Agenzie del polo Agroalimentare delle Nazioni Unite (FAO/IFAD/PAM) presso il Ministero degli Affari Esteri; Souad Sbai, giornalista, politica e docente, presidente dell’ACMID-Donna Onlus – Associazione delle Donne Marocchine in Italia; Hamza Boccolini, giornalista professionista specializzato in questioni mediorientali, segue il mondo arabo per l’Agenzia Nova, docente di Cultura Islamica presso l’Università di Siena; Eva Pfoestl, docente e ricercatrice in Italia e all’estero è coordinatrice scientifica dell’area giuridico-economica presso ’Istituto di Studi Politici “San Pio V; Pietro Marcenaro, politico e sindacalista attivo nell’ambito della tutela dei diritti umani, membro della Commissione permanente in tema di emigrazione del Ministero degli Affari Esteri e della Commissione per la tutela e la promozione dei diritti umani.

Il seguito e l’attenzione verso questa serie di eventi ha messo in luce l’attualità delle riflessioni sulle tematiche legate all’intercultura ed alle trans-nazionalità culturali, economiche e politiche, uno dei punti fondanti dell’intera iniziativa: le culture sono fluide e gli individui interpretano attivamente le proprie tradizioni rinnovandole per poter gestire i cambiamenti e le relazioni sociali. I momenti di comunicazione, scambio, riflessione su queste dinamiche rivitalizzano la democrazia attraverso una cittadinanza attiva che coinvolge tutti gli attori sociali del territorio.

   

Leave a Reply