Le pesche dolci (Pesche di Prato)

di LUCA GUASTINI –

VITERBO – Le pesche dolci sono un dolce originario della provincia di Prato formato da due sfere di soffice pasta biscotto con un ripieno  di crema pasticcera ed una superficie  croccante   grazie al liquore e uno strato di zucchero. Sono state in voga dagli anni sessanta per decenni, con  il passare degli anni però questo dolce è caduto un po’ in disuso e quasi non si vedevano più nelle pasticcerie, solo da poco si è riscoperto questo prodotto tipico.

Ingredienti:

500 gr di farina 00

3 uova

100 gr di burro morbido

180 gr di zucchero + quello per la decorazione esterna

50 ml circa di latte

1 bustina di lievito per dolci

scorza di limone grattugiata

1 pizzico di sale

Per la farcitura:

 

250 ml circa di alchermes ( se troppo forte diluire con un po’ di acqua)

crema pasticcera  ( oppure qualsiasi crema spalmabile dolce )

zucchero semolato

Procedimento:

 

Versare  nel  bicchiere di un robot da cucina oppure in un recipiente se  si sceglie di  impastare a mano  tutti gli ingredienti:  la farina setacciata insieme al lievito e la vanillina, lo zucchero, il burro ammorbidito a temperatura ambiente,   le 3 uova, un pizzico di sale e la scorza di limone grattugiata. Impastare il tutto aggiungendo a filo il latte fino ad ottenere un impasto lavorabile con le mani e non troppo appiccicoso.  Con un cucchiaio  prelevare un po’ di impasto e con le mani leggermente infarinate formare  delle palline grandi come una grossa noce   e metterle su di una teglia foderata con carta forno avendo cura di distanziarle di qualche centimetro  l’una dall’altra. Con questa dose otteniamo  circa  30 palline.  Infornare  in  forno statico a 180° per 15 minuti circa facendo attenzione a non farle scurire troppo,  sfornare  e far raffreddare a temperatura ambiente le semisfere. Quando saranno tiepide, con l’aiuto di un cucchiaino  scavarle leggermente e poi  riempirle con un cucchiaino di crema pasticcera,  una volta farcite tutte  sovrapporle due per volta e formare così la pesca dolce. Immergere velocemente le pesche  in un recipiente con dell’alchermes cercando di non  inzupparle troppo, fare sgocciolare  e rotolarle nello zucchero semolato. Mettere pesche a riposare in frigorifero per qualche ora prima di servirle.  Sono  ottime anche il giorno dopo conservate in frigorifero coperte con la pellicola per alimenti.

Print Friendly, PDF & Email