Legge Salvini sicurezza, Bengasi Battisti: “Li chiamano sindaci ribelli ma sono semplicemente coerenti”

VITERBO – Riceviamo da Bengasi Battisti, medico, consigliere comunale, membro Direttivo Nazionale Ass.ne Comuni  Virtuosi e pubblichiamo: “I Sindaci si trovano in prima linea a dover garantire il rispetto dei valori della Costituzione che hanno giurato di osservare , non applicare quelle norme della Legge Salvini che impedirebbero l’attuazione dei diritti fondamentali della persona è da considerarsi un dovere e non un atto di ribellione .

“Giuro di osservare lealmente la Costituzione italiana“ è la formula con la quale il sindaco si insedia a capo di una amministrazione indossando obbligatoriamente la fascia tricolore recante il simbolo della propria città. Un giuramento che, anche attraverso la forte simbologia, ha il profondo significato di tutelare tutti i componenti della comunità, garantendo loro i diritti inalienabili che sono sanciti dalla costituzione.
L’applicazione del decreto sicurezza invece sembra contrastare la fondamentale funzione del sindaco di garantire il rispetto dei valori della Carta e, nel caso specifico, del diritto inalienabile alla salute costituzionalmente garantito (art. 32).

È dovere del sindaco, quale autorità sanitaria locale, garantire l’accesso alle cure a tutti i cittadini, eliminando gli ostacoli che impediscono l’applicazione di un diritto costituzionalmente e moralmente garantito.

Nessun motivo può limitare il diritto alla salute, tantomeno il decreto Salvini con le sue disumane articolazioni.

La legge 132/2018 (decreto sicurezza) sembra pertanto essere in contrasto con alcuni articoli della costituzione. In particolare, con l’art. 2, dove il rifiuto di residenza anagrafica limiterebbe  il cittadino  nell’esercizio della partecipazione alle formazioni sociali; con l’art. 14, dove l’inviolabilità del domicilio verrebbe incisa da un provvedimento negativo in materia anagrafica; con l’art. 16, dove la libertà di movimento sarebbe condizionata e limitata; con il sopraccitato art. 32, dove il diritto alla salute potrebbe essere non garantito in ragione della mancata libertà di scelta o della mancanza assoluta di formale residenza.
Nel nome della costituzione e dell’umanità non applicare tutte quelle norme che andrebbero a impedire l’attuazione dei diritti fondamentali delle persone potrebbe considerarsi un dovere dei sindaci e non un atto di ribellione. Limitare le procedure anagrafiche ,che impediscono di conseguenza l’accesso alle cure , significherebbe inoltre venir meno al giuramento.

Non siamo di fronte a sindaci ribelli ma a rappresentanti delle istituzioni coerenti con quella carta costituzionale di cui ricorre il settantesimo anniversario e che qualcuno ha definito “la più bella del mondo“.

 

 

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
Il Vangelo della domenica, II del Tempo ordinarioLEGGI TUTTO
Vangelo Gv 2,1-11 Questo, a Cana di Galilea, fu l’inizio dei segni compiuti da Gesù. + Dal Vangelo secondo Giovanni In
La programmazione del cinema Lux di ViterboLEGGI TUTTO
VITERBO- Nella prossima programmazione del cinema Lux di Viterbo, in viale Trento, con ingresso a 5 euro, verrà proiettato dal
Ottimo risultato della colletta alimentare per l’Emporio solidale I Care di ViterboLEGGI TUTTO
VITERBO – Riceviamo e pubblichiamo: “Grande risultato della colletta alimentare di sabato 19 gennaio 2019 per l’Emporio Solidale I Care
“Raccontare Dio oggi”, sala piena per Andrea Monda al Bistrot CaffeinaLEGGI TUTTO
VITERBO – Fra David Foster Wallace e la teologia per incrociare gli occhi della “prima generazione incredula”, che mantiene però
Al Museo Colle del Duomo una stimolante narrazione sulla pittura: “Di Venerdì comunicArte”LEGGI TUTTO
di MARIA ANTONIETTA GERMANO – VITERBO – Al Museo Colle del Duomo di Viterbo l’arte e la poesia sono posti
Volley femminile Serie C, la capolista Vbc Viterbo incontra il Volley CastelloLEGGI TUTTO
VITERBO – Ultima di andata domani sera al PalaVolley di via Gran Sasso per la Vbc Viterbo impegnata nel campionato
Viterbese-Juve Stabia sulla web radio di Diretta Sport, domenica 20 gennaioLEGGI TUTTO
VITERBO – Domenica 20 Gennaio dalle ore 14,00 sulla Web-Radiovisione www.direttasportviterbo.it nuovamente con i gialloblù. Un ricco pre partita di
Esami superati per gli allievi del Taekwondo Olimpic VetrallaLEGGI TUTTO
VETRALLA ( Viterbo) – Prova d’esame superata a pieni voti per gli allievi e allieve del taekwondo olimpic Vetralla.buona preparazione
Manifesto Calenda, Minnucci (Pd): “Aderire è la scelta giusta”LEGGI TUTTO
ROMA – “Se vogliamo tenere unita l’Europa, difenderla e migliorarla, l’appello lanciato da Calenda è da accogliere e rilanciarlo con
Lega Viterbo: “Nei presidi di Ronciglione e Montefiascone sarà garantito il servizio anche di notte”LEGGI TUTTO
VITERBO – Lega Viterbo esprime soddisfazione per quanto stabilito a seguito dell’ incontro avvenuto questa mattina tra il Senatore Fusco,