L’Istituto Dermopatico dell’Immacolata partecipa alla “Notte Europea dei Ricercatori”

ROMA – L’IDI, Istituto Dermopatico dell’Immacolata partecipa alla “Notte Europea dei Ricercatori” con un evento che si terrà il 28 settembre 2018.

Promossa dalla Commissione Europea, giunta alla 13°edizione, ”la Notte Europea dei Ricercatori” rappresenta un’opportunità importante anche per presentare le attività di ricerca biomedica e i risultati conseguiti negli Istituti di Ricovero e Cura a Carattere Scientifico (IRCCS).

L’invito, arrivato dal Ministero della Salute, è stato fatto proprio dalla Direzione Scientifica dell’Idi per divulgare in maniera rigorosa, ma comprensibile, i molti passi in avanti fatti verso l’identificazione di nuove tecniche diagnostiche e nuove terapie. Ricercatori e clinici della struttura presenteranno, come ogni anno, i risultati più recenti delle loro ricerche, sviluppate nel campo delle patologie della cute, come ad esempio la psoriasi per la quale sono stati identificati nuovi percorsi assistenziali. Novità di quest’anno, l’apertura dei laboratori di ricerca agli studenti delle scuole romane. “Un modo nuovo – spiega il prof. Vincenzo Guzzanti, Direttore Scientifico IDI – di contribuire a divulgare la cultura scientifica e avvicinare il mondo della ricerca alla scuola”. Venerdì 28, quindi, dalle ore 18 alle 20 presso la sede centrale di IDI, di via Monti di Creta 104 a Roma sarà possibile partecipare alla “Notte Europea dei Ricercatori”.

La ricerca biomedica nel campo della dermatologia – ricorda il Direttore Scientifico – ha compiuto passi in avanti importanti. Solo negli ultimi 5 anni sono stati pubblicati oltre 100 mila studi su malattie dermatologiche. I risultati di questo impegno sono testimoniati dall’attuale disponibilità di molte terapie innovative e farmaci biologici, che hanno cambiato la storia clinica e migliorato la prognosi di malattie dermatologiche gravi.

Print Friendly, PDF & Email