“Lo sviluppo turistico del territorio: un incontro con gli attori locali”: svolto il workshop a Palazzo dei Priori

di ANNUNZIATA PALMUCCI-

VITERBO- La Sindaca di Viterbo, Chiara Frontini e l’assessore allo Sviluppo Economico Locale e Turismo, Silvio Franco hanno tenuto questo pomeriggio un workshop dal titolo “Lo sviluppo turistico del territorio: un incontro con gli attori locali”, che si è svolto oggi alle ore 17, presso la Sala Regia del Palazzo dei Priori. Al workshop hanno partecipato alcuni attori locali.
L’incontro ha fatto il punto sulle iniziative in corso e programmate anche in relazione alla destinazione dell’imposta di soggiorno 2023 con l’obiettivo di definire una strategia partecipata per lo sviluppo turistico di ” Viterbo cuore della Tuscia”.
Il workshop è stato organizzato partendo da una breve relazione introduttiva dell’assessore Franco a cui sono seguiti alcuni interventi programmati. Moderatrice dell’incontro la consigliera comunale Alessandra Croci.
La sindaca ha affermato che tutti gli operatori devono guardare nella stessa direzione e collaborare tutti insieme perché il turismo è il punto cardine del territorio e dello sviluppo della Tuscia.
“Il nostro principale appuntamento -ha affermato Friontini – è la candidatura europea di Viterbo come città della cultura e il Giubileo del 2015”. E sy questi due importanti argomenti l’assessore Franco ha detto come per quanto riguarda la candidatura a capitale europea della cultura,  si debba costruire un’idea forte, che deve rappresentare il faro intorno al quale strutturare tutto quello da fare. Quindi bisogna puntare su temi concreti e globali. Proprio in merito alla candidatura europea di Viterbo città della cultura ha sindaca ha annunciato che a fine mese si terrà un consiglio comunale per poter discutere dell’importante obiettivo insieme all’opposizione ed agli attori coinvolti. L’altro importante appuntamento è il Giubileo del  2015, in merito al quale l’assessore Franco ha detto come sia importante riuscire ad avere delle risorse importanti . L’assessore ha poi sottolineato come sia importante convincere il turista a restare più giorni a Viterbo. Ha quindi snocciolato alcuni dati: 135.000 ospiti e oltre 400.000 euro di incassi per la tassa di soggiorno a Viterbo nel 2022, superando, quindi, i dati del 2018 quando sono stati 119.000 ed anche quelli del 2019 quando sono 134000 gli ospiti. Per quanto riguarda i pernottamenti l’assessore ha detto che sono stati 212.000 e con una permanenza media di 1,6 giorni. Per l’assessore Franco è quindi, necessario fare “quel salto di qualità” che permetta a Viterbo di diventare veramente una meta turistica. Infine, ha detto che gli ospiti hanno lasciato in media in città 3 euro. Si sono, quindi, succeduti gli interventi di alcuni attori locali che hanno esposto le loro problematiche e le loro iniziative. In particolare, hanno evidenziato come l’imposta di soggiorno debba essere utilizzata per migliorare la città di Viterbo e come sia necessario incentivare il turismo. Ad intervenire i referenti di Viterbo antica, Stand Tuscia, Federalberghi, Fattoria Barbini ,Promo Tuscia, Protocollo di San Martino al Cimino, parte termale del Bagnaccio e la Proloco di Viterbo. La sindaca Chiara Frontini, in conclusione, ha rimarcato come Il turismo sia il pilastro della programmazione dello sviluppo del territorio. Uno sviluppo che deve coinvolgere un’area vasta, che vede nel capoluogo il suo elemento di traino. 

Print Friendly, PDF & Email