L’ossimoro e la sinestesia

di LORENA PARIS – Questa settimana, per “di Martedì, Poesia” accenno ad altre due figure retoriche usate sovente nel linguaggio poetico: l’ossimoro: (es. il ghiaccio bollente, il silenzio assordante) ovvero l’accostamento di due parole di significato opposto.
La sinestesia: (es. L’ urlo nero, parole calde) ovvero l’accostamento di due parole che si riferiscono a sfere sensoriali diverse).

Sotto il testo e l’audio di una mia poesia con sinestesia nel penultimo verso.

***

È sui miei occhi
ogni sera
la stanchezza
di tutto il cielo
che si è versato muto
sopra la mia terra
le case ingrate
il bosco folle
le mani tese.
Il profumo amaro
della riconoscenza.

Lorena Paris


Ascolta la poesia dalla voce dell’autrice


Print Friendly, PDF & Email