“Ludika 1243”, la battaglia campale in programma il 17 luglio

VITERBO – Tornare a respirare il Medioevo nel centro storico, vivere di nuovo pomeriggi e serate immersi nella commedia dell’arte, divertirsi con gli spettacoli degli artisti di strada, ammirare le rappresentazioni nel chiostro dei Longobardi: è vinta la scommessa di Ludika 1243 che ha finalmente riconquistato sampietrini e lastre di pietra tra San Carluccio e San Pellegrino, applaudita dal suo caloroso pubblico.

Non è finita però, perché manca la rievocazione, in forma di gioco, del momento clou che fa nascere l’intero evento: l’assalto dell’imperatore Federico e delle sue truppe ghibelline alle mura della città, difese per ordine del papa dai guelfi. E sarà di nuovo battaglia campale, il ritorno più atteso, sotto le mura esterne di Valle Faul. Tutto questo avverrà domani, domenica 17 luglio alle 18, non prima di aver portato in parata figuranti, armigeri, dame e visitatori lungo il centro storico, partendo da San Pellegrino per scendere su Via Cavour, lungo il Sacrario e Valle Faul.

Un momento aperto a tutti, dalla sfilata alla battaglia, che si realizza con precise regole che portano via via ad eliminare i combattenti che abbiano preso i colpi fatali, cioè siano stati toccati con le spade, ovviamente finte, nei punti che decretano la sconfitta. A vigilare sul corretto svolgimento i giullari, che diventano giudici in campo, e regolano i vari attacchi.

Vincerà l’esercito che riuscirà a strappare il drappo avversario portandolo dalla sua parte, privando così l’altra fazione della sua bandiera simbolo.

Tutti possono partecipare e l’organizzazione fornirà costumi e materiale necessario, con i colori della truppa scelta, sia per sfilare al corteo che per la battaglia. In questo caso maestri d’armi sono a disposizione in piazza San Carluccio per spiegare i movimenti principali, per difendersi o affondare il colpo all’avversario.

Nella storia di Ludika1243 a vincere sono stati quasi sempre i guelfi, ma una volta, combattivi e volitivi, vinsero i ghibellini, in una sorta di ritorno al passato che avrebbe cambiato la storia. Ma è un gioco, lo sappiamo, e per questo è bello partecipare.

Per le informazioni ed essere aggiornati sul programma www.ludika.it – info@ludika.it e i canali Fb e instagram @ludika1243

Print Friendly, PDF & Email