Università Unimarconi

“Ludika 1243”, Viterbo torna al Medioevo

VITERBO – Ventiquattro anni di tradizione, fatta di storia, passato e un pizzico di leggenda: Ludika 1243 ha riportato l’atmosfera originale nel quartiere medievale di San Pellegrino, una magia che proseguirà fino a domenica 7 luglio.

Dalla “porta ideale” di piazza San Carluccio si schiude lo scrigno medievale fatto dal mercatino, pieno di figuranti e appassionati in costume, mentre nel cortile si gioca con l’Archery Tag e alla Zaffera sbocciano spettacoli e commedie. Lungo via san Pellegrino, verso la piazza, si anima la storia cittadina, per raggiungere il cuore del gioco da tavola, a Palazzo degli Alessandri e  tante occasioni che si susseguono: gioco di ruolo dal vivo, Escape Room, Live Dungeon, Arena di spada e addestramenti per la Grande Battaglia Campale, Accademia dello scudiero, Festival del Teatro di Strada e della commedia dell’Arte “Come d’Arte”, truccabimbi e lettura di Rune Celtiche.

Due le mostre, una storica a Palazzo degli Alessandri “L’Avamposto dei Leoni”, l’altra che lega passato e presente “Leggere e scrivere nel Medioevo”, con laboratori di lettura e scrittura medievale, in piazza della Morte, dalle 17 alle 22.

Tra le sezioni competitive l’immancabile Concorso fotografico estemporaneo “Colleziona emozioni” e il nuovo Premio Maman Luoise per il miglior costume medievale fantasy, la cui iscrizione sarà aperta sabato 6 luglio alle 18 (piazza San Carluccio), dove i partecipanti potranno ottenere uno stendardo con un numero. Chi vorrà votare quel concorrente potrà farlo a Palazzo degli Alessandri e i risultati saranno comunicati la sera, dopo un’ultima sfilata in piazza San Pellegrino, dove poco prima, dalle 21:45, si svolgerà l’attesa finale del Torneo dei campioni, che si sfideranno nel gioco di ruolo dal vivo.

Non mancherà la musica: oltre alla naturale colonna sonora per le vie del centro arriva la prima Coppa del Bardo, che vedrà esibirsi le band selezionate nel concerto del 6 luglio, dalle 19 in piazza del Gesù, in collaborazione con il festival Ombre. Ai vincitori un buono spendibile in uno studio di registrazione per produrre un brano.

Sabato 6 luglio la città vedrà una giornata speciale, anche grazie all’allestimento del traliccio della nuova Macchina di Santa Rosa, per permettere la prova che si svolgerà nella mattinata di domenica. Un legame che rafforza il glorioso medioevo vissuto dalla città, che si è difesa anche attraverso l’amore e l’ardore della giovane Rosina. Gli appassionati della rievocazione di Ludika avranno così modo di conoscere ancora meglio l’appuntamento più atteso a Viterbo, quello del 3 settembre con il Trasporto.

Giornate medievali tutte da vivere, che porteranno all’appuntamento più atteso, quello della Grande Battaglia Campale. “Come evidenziato in conferenza stampa, il luogo utilizzato tradizionalmente è impegnato da un cantiere di ristrutturazione. Dopo esserci confrontati con l’amministrazione – precisa Serenella Bovi, La Tana degli Orchi – abbiamo deciso che quest’anno organizzeremo la consueta battagliola a Valle Faul ma dentro le mura, nei pressi della statua de Il risveglio. Sarà un’occasione speciale, diversa dal solito, che gestiremo con piccoli gruppi, permettendo un sereno, tradizionale e sempre divertente finale di Ludika 1243”.

L’appuntamento, in questo caso è per domenica dalle 18 in piazza San Carluccio per la partenza del corteo storico, aperto a chiunque voglia partecipare, anche noleggiando costumi d’epoca che la Tana degli Orchi mette a disposizione di tutti. La colorata e giocosa sfilata raggiungerà Valle Faul dove si rievocherà la battaglia del 1243, con il tentato assedio di Federico II alla città di Viterbo, guelfi da una parte, ghibellini dall’altra, anche in questo caso aperta a chiunque, e ancora una volta sarà riscritta la storia.

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE