“Migrazioni di donne uomini e destini”, lo spettacolo al Museo del Fiore di Acquapendente

ACQUAPENDENTE ( Viterbo) – Nell’ambito del progetto teatrale Museion 2022, organizzato dal Sistema Museale Lago di Bolsena in collaborazione con la Cooperativa Aper Regina,  arriverà domenica 12 Giugno, alle ore 16.30, presso il Museo del Fiore di Acquapendente la Compagnia Teatro Studio di Grosseto, lo spettacolo “Migrazioni di donne uomini e destini” che come sottolinea il regista Mario Fraschetti “Mare, viaggi, rotte, arrivi e partenze: storie antiche ed echi di cronaca per non dimenticare le vittime della migrazione clandestina. Cosa a volte si celi dietro a queste vite e a questo andare, lo lasciamo trapelare dai racconti di guerre, marinai e regine, di donne, soprusi e violenze: racconti senza tempo, che presi in brevi attimi, risuonano al presente. La performance si sviluppa secondo uno schema non convenzionale e rinuncia alla struttura drammaturgica, servendosene soltanto sottotraccia. Se attori (tre donne e tre uomini), un musicista, una guida, “viaggiano” lo spazio di rappresentazione insieme al pubblico e raccontano, ognuno la propria storia. Un capitano di vascello che accoglie clandestini: Clitemnestra e Ifigenia sacrificata alle vele della flotta achea. Ecuba, la guerra, i lutti e la schiavitù oltre il suo mare. Elena, la vittima contesa. Ionà che si offre alle onde per placarle. Medea straniera e reietta nella patria del marito. Polidoro, illacrimato, insepolto tra gli insepolti”. Su testi di Euripide, Eschilo ed Erri De Luca, in scena Daniela Marrietti, Luca Pierini, Enrica Pistolesi, Irene Paoletti, Mirio Tozzini, Stefano Sensini. Musiche, clarinetto e voce di Francesco Melani. Scrittura scenica Daniela Marretti.

Print Friendly, PDF & Email