Ministro Giannini, un accordo tra scuola e capitale umano

di MARIA ANTONIETTA GERMANO –

VITERBO – La Ministra dell’Istruzione, Università e Ricerca Stefania Giannini in tour istituzionale a Viterbo. Questa mattina, dopo aver presenziato all’Università della Tuscia alla cerimonia di commemorazione di Aldo Moro (ucciso dalle Br il 9 maggio 1978), il Ministro Giannini è arrivata a Palazzo dei Priori scortata dal deputato Giuseppe Fioroni, che presiede la Commissione bicamerale d’inchiesta sul caso Moro e dal padrone di casa, Leonardo Michelini, sindaco di Viterbo (LEGGI QUI).

Ad accoglierli ed accompagnarli nelle stanze del Palazzo, il Prefetto Rita Piermatti, il Questore di Viterbo Lorenzo Suraci, la Soprintendente per il Lazio e l’Etruria Meridionale Alfonsina Russo Tagliente, l’assessore alla Cultura Antonio Delli Iaconi e i sindaci di Orvieto e Chiusi, intervenuti per firmare il protocollo d’intesa che li vede protagonisti, insieme a Viterbo, del primo progetto di turismo scolastico rivolto ai giovani studenti, con incontri e scambi didattici e culturali volti a far apprezzare e conoscere la storia del popolo etrusco che ha abitato nell’Etruria Meridionale. Iniziative anche internazionali di turismo scolastico avranno un comitato scientifico che pianificherà tutte le attività.

Firma protocollo intesa
Firma protocollo intesa

E come sottolinea la ministra Stefania Giannini, la scuola è il primo luogo culturale che genera identità di appartenenza italiana ed europea di chi vive e si riconosce e porta consapevolezza. Il progetto Experience Etruria è ben costruito e si possono trasferire in chiave moderna i tratti distintivi che riguardano la natura, il paesaggio, le differenze, ma anche le assonanze linguistiche che mettono insieme aree portatrici di identità, in cui i cittadini si riconoscono e su cui si può anche costruire, come suggerito da Fioroni, un Distretto Turistico culturale più orientato allo sviluppo economico e di ripresa del territorio. La scuola che si è messa in sintonia può rappresentare un punto di grande importanza.

Mentre il Direttore generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio MiBACT, Caterina Bon di Valsassina e Madrisio, ha spiegato di aver letto sulla carta l’Accordo quadro essendosi insediata nel ministero da cinque giorni ed ha precisato di non essere un’archeologa, ma bensì una storica dell’arte e per questo condivide in pieno il progetto per le scuole che vede interessate per la prima volta tre aree geografiche, con la loro ricchezza di patrimonio artistico e archeologico e naturale, elementi essenziali di costruzione dell’identità.

Tra i presenti, nella Sala del Consiglio comunale affollata come non mai, il presidente della Fondazione Carivit Mario Brutti  che per primo ha creduto nel progetto Experience Etruria, e il Rettore dell’Università della Tuscia Alessandro Ruggieri, e tra i banchi dei consiglieri, tante autorità militari e civili. Ha coordinato l’incontro Giovanna Rossiello, giornalista TG1. Grandi assenti, i consiglieri di opposizione.

Luisa Ciambella
Luisa Ciambella

Sullo scranno del Consiglio pronti per la firma: la vice sindaco di Viterbo Luisa Ciambella coordinatrice del Progetto Experience Etruria, l’assessore alla Cultura di Chiusi Chiara Lanari, il sindaco di Chiusi, Juri Bettolini, il sindaco di Viterbo Leonardo Michelini, la Ministra Stefania Giannini, la direttrice generale Archeologia Belle Arti e Paesaggio MIBACT Caterina Bon di Valsassina e Madrisio, il sindaco di Orvieto Giuseppe Germani e l’assessore alla Cultura di Orvieto Enzinella Martino e come tutor, il deputato  Giuseppe Fioroni.

Il Progetto Experiece Etruria è stato illustrato dalla vice sindaco Luisa Ciambella, che ha ringraziato la Fondazione Carivit per aver sostenuto non solo il Comune di Viterbo, ma anche i comuni di tre regioni diverse, che hanno aderito al progetto di valorizzazione culturale e turistica dell’Etruria Meridionale e diffusione della storia della civiltà etrusca, all’interno delle scuole. E ha ricordato il successo ottenuto da Experience Etruria sia all’Expo di Milano che a Bruxelles.

Michelini e il Ministro Giannini
Michelini e il Ministro Giannini

Il sindaco Michelini ha posto l’accento sul ricchezza del territorio dell’Etruria che abbraccia varie regioni e deve essere scoperta e conosciuta sempre di più, partendo dalla scuola e dal turismo, oggetto di questo accordo firmato oggi e poeticamene si appella ai cinque sensi del corpo che con la natura (terra, laghi, terme, monti, arte) generano bellezza e consapevolezza. E precisa: partecipano già 17 comuni, non è un progetto chiuso.

Al microfono è intervenuto il deputato Pd Giuseppe Fioroni che apre all’idea di un progetto più ambizioso, per andare oltre il campanilismo e uscire dal proprio territorio ed abbracciare in Rete tutte le città, non solo italiane. Ha posto l’accento sulla nascita di un Distretto Turistico Culturale dell’Etruria Meridionale. Per fare questo invita i consiglieri presenti ad approvare entro il 30 giugno, data di scadenza delle domande per i Distretti, una delibera per questo nuovo progetto che porterà visibilità e sviluppo economico. “E’ inutile – spiega il deputato – partecipare al concorso Viterbo Capitale della Cultura se non si ha un progetto condiviso con altre città come oggi abbiamo, appunto, oltre Viterbo, anche Orvieto e Chiusi“.

Dopo la firma dell’accordo, la presentazione in anteprima del fumetto “Le avventure di Ati” che arriverà da settembre in tutte le scuole e sarà presentato al Festival del fumetto a Roma. Illustrazione e realizzazione grafica Laura Natali. La storia dello scrittore Giorgio Nisini, testi Giorgio Nisini e Angelo Deiana.

 

 

 

 

Print Friendly, PDF & Email