“Narratori di Comunità”, risate e momenti di riflessione per la lectio magistralis di Massimiliano Urbani

VITERBO – Dialettalità e neo-dialettalità tra Viterbo e Civitavecchia. Ieri mattina al master DIBAF-UNITUS per “Narratori di comunità” lectio magistralis di Massimiliano Urbani, alias Mammorappo.

Si chiude con un bilancio assolutamente positivo il IV modulo didattico del master DIBAF-UNITUS per “Narratori di comunità”. Fine settimana interamente dedicato al dialetto, alla poesia dialettale e alla neo-dialettalità. Due le esperienze a confronto, lungo l’asse Viterbo-Civitavecchia e sullo sfondo di una regione – il Lazio – che dal punto di vista storico, linguistico e identitario costituisce per gli aspiranti narratori di comunità una inesauribile fonte di spunti di riflessione.

Applausi scroscianti (fra i banchi dell’ateneo viterbese studenti e studentesse di alcune classi del Liceo delle scienze umane “Santa Rosa da Viterbo”) con raffica di selfie e autografi al termine della lezione-spettacolo che ha visto protagonista il giovane performer Mammorappo, al secolo Massimiliano Urbani. Una occasione davvero eccezionale per conoscere ed apprezzare, oltre alla grana poetica delle sue canzoni (a volte opacizzata appena dai riverberi goliardici, ma onnipresente e mai banale), lo spessore umano dell’autore di veri e propri cantatissimi “tormentoni” come “Ha’ capito come” e “Estate chicchennina viterbese”. Una opportunità preziosa per riflettere sugli usi contemporanei del dialetto, per ragionare di passato-presente-e-futuro di Viterbo, del senso di appartenenza e di come questo venga veicolato ed espresso in primis proprio dalla lingua locale. Momenti di grande allegria e leggerezza intramati a passaggi più densi e introspettivi che hanno messo in luce – per dirla con Antonello Ricci – la splendida humanitas di Massimiliano. Ad accompagnare Mammoreppo i giovani di Sognando Favl, con i quali Urbani stesso sta lavorando a un progetto che verrà reso pubblico a breve. Il modulo si è concluso nel pomeriggio con una lezione sugli aspetti teorici e operativi della trascrizione del dialetto a cura del sottoscritto. Molto apprezzato durante il dibattito l’intervento di Pietro Benedetti, attore e regista di Banda del racconto ormai notissimo in città e non solo per i suoi monologhi intrisi di dialettalità viterbesi, dal Mastrumberto di Sottoassedio alla storia partigiana di Nello Marignoli all’Alfio Panega di “Allora ero giovane pure io”.

Il modulo in realtà era cominciato già venerdì pomeriggio, nell’aula Blu di Agraria, con Gianni De Paolis, poeta dialettale civitavecchiese, il quale sollecitato dai docenti e dagli studenti del master, aveva letto e commentato i sapidi e delicati sonetti della sua antologica “Bozzi, Biribibozzi, Scaricabozzi, Monto e Scegno”. De Paolis, uomo dolce e di grande generosità, ha aperto le porte del suo laboratorio letterario. Ha raccontato, un poco declamando i suoi sonetti, un poco rispondendo in modo diretto alle domande che gli sono state poste, la sua città, il suo modo di parlare, il rapporto tra lingua locale e vicende storico-demografiche della città costiera. Al suo fianco quella che è stata subito ribattezzata la “tribù” De Paolis: moglie, nipote e figlia, Barbara, la quale accompagnandosi con la chitarra ha cantato alcuni pezzi del repertorio tradizionale civitavecchiese.

Il Master proseguirà nel prossimo fine settimana. Graditissimo ospite del V ciclo didattico sarà il comandante della Forestale della provincia di Genova, il viterbese Silvio Ciapica.

   

Articoli Correlati

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI
I corti del memorial “Emilio Valerioti” al Cinema Etrusco di Tarquinia, venerdì 29 marzoLEGGI TUTTO
TARQUINIA ( Viterbo) – Emilio Valerioti non è stato solo un fotografo ma un pioniere del cinema. Per ricordare la
Interventi in favore di persone affette da Alzheimer, l’assessore Sberna: “Online l’avviso pubblico”LEGGI TUTTO
VITERBO – Online sul sito istituzionale del Comune di Viterbo l’avviso pubblico riguardante gli interventi in favore di persone affette
Nuovo look per la sala di aspetto e donazioni all’ambulatorio di Oncologia dell’ospedale di TarquiniaLEGGI TUTTO
TARQUINIA ( Viterbo) – Lo scorso week end, presso l’ospedale di Tarquinia, si è tenuto un incontro tra la direzione
Le gelaterie artigiane di Confartigianato aderiscono al “GelatoDay”, domenica 24 marzoLEGGI TUTTO
VITERBO – Tutto pronto per la settima edizione del GelatoDay, la giornata europea che celebra uno dei punti forti della tradizione
Milagros/Miracoli, mostra della tavole originali di Ana Juan e Roger Olmos all’istituto Cervantes di RomaLEGGI TUTTO
ROMA- Dal 4 aprile al 4 maggio presso la Sala Dalí – Istituto Cervantes di Roma, in piazza Novara, ingresso gratuito. Giovedì 4 aprile
Acquapendente pronta a presentare il suo innovativo progetto la Gerusalemme verdeLEGGI TUTTO
ACQUAPENDENTE (Viterbo) – La Gerusalemme Verde sarà presentata ufficialmente in una conferenza stampa che si terrà il 28 marzo 2019 alle
Prosegue il campionato di “Abili sotto-rete”per favorire l’inclusione attraverso lo sportLEGGI TUTTO
FRASCATI (Roma)- Oggi presso il Palazzetto della Volley Club Frascati si è svolta la quinta partita del campionato di “Abili sotto
Protezione Civile – Banco Alimentare del Lazio insieme nel 2019 contro le emergenzeLEGGI TUTTO
Per il 2019 sarà il Banco Alimentare del Lazio a supportare l’Agenzia Regionale della Protezione Civile in occasione di emergenze
Libreria Etruria incontra gli autoriLEGGI TUTTO
VITERBO- Venerdì 22 marzo ore 18 Amalia Bonagura presenta il suo “Il paese delle Fate Bianche”, Erudita edizioni. Presentazione a cura di Elena
“Li ciorne che abiammo lasciato una Storia” Reading sui ragazzi del ’99 nella Grande Guerra con Saverio SenniLEGGI TUTTO
VILLA SAN GIOVANNI IN TUSCIA (Viterbo)- Dopo Mantova, Firenze, Perugia, Viterbo, Bologna, Gorizia, Roma arriva a Villa San Giovanni in