Ogni anno nel mondo 18 miliardi di vite animali vengono distrutte per produrre cibo che non verrà mai consumato

Ogni anno nel mondo 18 miliardi di vite animali vengono distrutte per produrre cibo che non verrà mai consumato. La riduzione degli sprechi e delle perdite di carne è un tema di grande importanza a causa dei suoi notevoli impatti ambientali, ma l’aspetto del benessere animale resta in gran parte trascurato.

Si tratta della sofferenza e della morte inflitte agli animali per produrre cibo che non verrà NEANCHE mai consumato, torture che rimangono invisibili.

Un nuovo studio si propone di colmare il divario nella letteratura sull’accounting del cibo perso e sprecato (FLW) e le considerazioni sul benessere animale. La ricerca ha così cercato di stimare il numero di vite animali rappresentate dalle perdite e dagli sprechi di sei delle principali specie animali produttrici di carne lungo la catena di approvvigionamento alimentare e modellando tre potenziali scenari di riduzione.
Il risultato mostra che circa 18 miliardi di vite animali sono state rappresentate dalle perdite e dagli sprechi della produzione e del consumo globale di carne nel 2019.
Gli scenari rivelano che le vite animali sprecate e le perdite potrebbero essere ridotte di 7,9 miliardi se le migliori efficienze regionali venissero adottate su larga scala; inoltre, sarebbe possibile una ulteriore riduzione di 4,2 – 8,8 miliardi se l’Obiettivo di Sviluppo Sostenibile venisse attuato, conseguendo una riduzione del 50% delle perdite e degli sprechi nella catena di approvvigionamento a valle o nell’intera catena di approvvigionamento, rispettivamente. Considerando la coscienza e la sensibilità specifiche delle specie e le raccomandazioni precedenti, l’analisi individua punti di leva per il cambiamento nella fase di consumo nei paesi sviluppati ad alto reddito, valutando in termini assoluti nell’Asia industrializzata e, valutando in termini pro-capite, nel Nord America e in Oceania, così come nei principali paesi di FLW e perdita di vite animali.

Lo studio, inoltre, identifica i compromessi per il benessere animale tra la riduzione di FLW dei diversi tipi di carne, in particolare pollo e manzo, e la riduzione delle perdite basate sulla produzione, mantenendo a bassi livelli le emissioni e l’uso di risorse e sostenendo la sicurezza alimentare.

J. Klaura, G. Breeman and L. Scherer, Animal lives embodied in food loss and waste, (2023), https://doi.org/10.1016/j.spc.2023.11.004

Animal lives embodied in food loss and waste
While the importance of reducing meat loss and waste is acknowledged due to its substantial environmental impacts, the aspect of animal welfare largel…
doi.org

GLI ANIMALI SONO INDUBBIAMENTE I “VERI ESSERI UMANI” E NOI “LE BESTIE!”

Grazie

Dr Giovanni Ghirga
Pediatra

Print Friendly, PDF & Email
Condividi con:
LEGGI TUTTE LE NOTIZIE