Operazione Stormfront II “diffusione di video ed immagini di discriminazione razziale, etnico e religioso”

Nell’ambito dell’indagine internazionale denominata “Stormfront II”, relativa ai movimenti dell’estrema destra ed, in particolare, nella diffusione,questura-vt anche attraverso il social network “Stormfrontitalia”, di video ed immagini di discriminazione raziale, etnico e religioso, nelle prime ore della mattina odierna, personale della Digos di Viterbo, in collaborazione con personale della locale sezione Polizia postale, ha dato avvio ad un’operazione di p.g. in

esecuzione al decreto di perquisizione e sequestro, emesso dalla Procura della Repubblica di Roma, nei confronti di un cittadino italiano di 43 anni, residente in un paese sito sulla Cassia. All’interno della propria abitazione è stato rinvenuto materiale informatico di vario genere, sottoposto a sequestro giudiziario ed a disposizione dell’autorità giudiziaria per i successivi accertamenti tecnici.

Per il predetto cittadino italiano si configurano i reati di diffusione di video ed immagini di discriminazione razziale, etnico e religioso. L’attività investigativa, condotta a livello nazionale del Servizio di Polizia Postale e delle Telecomunicazioni e della Digos di Roma, è stata incentrata, in particolar modo, sull’identificazione degli autori della diffusione, sulla rete internet ed attraverso la condivisione di canali video, di un filmato denominato “Il nemico occulto – un documentario sulla questione ebraica”, degli evidenti contenuti antisemiti.

Sono state effettuate complessivamente 35 perquisizioni nei confronti di altrettante persone, residenti oltre che nel Viterbese, a Roma e Milano. Nello stesso contempo sono stati condotti approfondimenti per risalire agli autori di “post” pubblicati sempre sul succitato forum, incitanti l’odio e la violenza per motivi razziali e/o etnici nonchè fortemente diffamatori nei confronti di personaggi pubblici quali il noto scrittore Roberto Saviano, il sindaco di Lampedusa e l’assessore alle Politiche giovanili ed alle pari opportunità di un Municipio di Roma.

   

Leave a Reply